Giovedì 15/11/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: Andrea Liberati (M5S), propone la realizzazione di un unico polo dell'acciaio
Il capogruppo M5S all’Assemblea legislativa, Andrea Liberati, auspica che "venga superato l'iperfrazionamento territoriale del polo dell’acciaio, che ora è disseminato ovunque, in un disordine urbanistico, logistico, gestionale e funzionale”. Per Liberati “il risultato è un non-sense territoriale di lunga data. Con Terni che ha pure subìto il fatto che una stessa filiera, anziché localizzata in unico sito, circondasse la città, con un fiorire di zone a destinazione industriale, peraltro con un inutile consumo di suolo”. Il consigliere di opposizione rimarca “il disinteresse della Regione Umbria nei confronti di alcune macroaree, con interi brani di territorio ormai alla deriva. "Volendo restare soltanto tra Terni e Narni - afferma Liberati -, basti pensare alla ex Bosco, nella disponibilità della Regione attraverso il fallimentare ‘Consorzio Tns’, Sviluppumbria e seguenti. Si tratta di un gigantesco immobile industriale di grande pregio, da 15 anni rifunzionalizzato con una spesa ingente, dotato di collegamento ferroviario e, tuttavia, ampiamente inutilizzato, così come la vicina piastra logistica, abbandonata da tempo, dopo l'ennesima inaugurazione un lustro fa. Eppure - continua il capogruppo di M5S -, sarebbe proprio qui che, ad esempio, si potrebbero anzitutto concentrare tutte le necessità di approvvigionamento di Ast-Tk, nonché dell'intera filiera, accogliendovi merci e materiali, e poi, di lì, via treno, dentro gli stabilimenti, fin quando se ne accetterà la compatibilità con la città, s'intende”. Andrea Liberati aggiunge che "tutto questo comporta enormi esternalità negative anche a livello energetico, così come una lunga teoria di camion ovunque: la città storica di Terni, già sotto scacco culturale, economico e ambientale della fu grande industria, è così contornata in ogni dove di aree produttive cresciute senza un'efficace pianificazione a monte, senza una visione di sistema e senza incisivi controlli in seguito, talora perfino in zone esondabili. Occorre pertanto procedere con urgenza a una innovativa programmazione territoriale, identificando interessi particolari ostativi al cambiamento, analizzando i fenomeni da tempo in corso, individuando infine i luoghi più adeguati tra Terni e Narni ove concentrare e delocalizzare tali opifici, incluse le rilevantissime necessità della logistica loro connessa. Un fatto – conclude - che genererebbe subito centinaia di posti di lavoro, alzando la qualità della vita di residenti e lavoratori".
20/10/2018 ore 11:15
Torna su