Lunedì 24/09/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Tassa di soggiorno, duro intervento del M5S: "un'altra decisione della giunta che va nella direzione sbagliata"
L'imposta di soggiorno, introdotta di recente da comune di Narni, sta sollevando un vespaio di polemiche. Sulll'argomento interviene anche il M5S che disapprova in toto la scelta fatta dalla giunta narnese. "E' sbagliato - scrivono in un comunicato i pentastellati -, non ascoltare le categorie di settore. Ed è altrettanto sbagliato applicare una tassa del genere in un momento in cui Narni si sta per affacciare al mondo del turismo. Abbiamo provato a far notare a sindaco e alla giunta che si stava andando verso la direzione sbagliata. Anche stavolta, però, le nostre osservazioni non sono state prese in considerazione, anzi ci siamo visti rispondere in modo contrariato, come se fossimo appena scesi da Marte e non avessimo compreso nulla di questa 'bellissima' proposta, presentata in sede di consiglio come 'un'idea buona per continuare ad investire nel settore turistico'. In consiglio abbiamo chiesto a sindaco e assessore 'sono stati ascoltati ed interpellati gli operatori del servizio ed i commercianti?'. Sapevamo che non era stato fatto, quindi abbiamo sottolineato come questo processo, calato forzatamente dall’alto, vada inesorabilmente a danneggiare il settore economico della nostra città. Questa - continua la nota di M5S -, è la solita cieca arroganza di questa 'dittatura della democrazia', che di democratico oramai ha solo il nome sul simbolo. Siamo di fronte ad un governo arroccato nei suoi palazzi, che non ascolta minimamente la città, i lavoratori e le imprese. Una giunta autoreferenziale, sorda ad ogni proposta, ad ogni consiglio della minoranza e sorda anche a chi in questi settori ne è un massimo esponente, chi ogni giorno vi lavora e ne fa impresa. Come abbiamo già detto in Consiglio, una realtà come Assisi, che è una città turistica da tempo immemorabile, sta introducendo la tassa di soggiorno da quest’anno. Narni, nè come flussii turistici, né come esperienza è minimamente comparabile alla realtà assisiate, ma questo aspettao non sembra interessare l'assessore Lucarelli, e nemmeno il resto della giunta, i quali hanno dato un parere molto positivo rispetto all'introducione della nuova imposta. Quali servizi offriamo per giustificare questa tassa? - si chiedono i Cinque Stelle narnesi -, Narni deve crescere dal punto di vista turistico, servono investimenti importanti dalla Regione, dagli altri enti e da privati; serve un piano di sviluppo turistico serio e concreto, non questi palliativi che non porteranno a nessun risultato. Non è assolutamente questa, a nostro avviso, la strada giusta per fare turismo a Narni".
5/3/2018 ore 11:55
Torna su