Giovedì 17/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Segnaletica non idonea o insufficiente su molte strade narnesi, Fiordi sollecita il Comune ad aggiornare la situazione in base al codice
“I limiti di velocità delle strade narnesi vanno totalmente rivisti”. E’ questa la critica del consigliere repubblicano Piero Fiordi all’amministrazione narnese. L’introduzione della patente a punti e la nuova possibilità di rilevare le infrazioni riguardanti i limiti di velocità, senza l’obbligo della contestazione immediata da parte delle forze dell’ordine, stanno rendendo necessario un cambiamento della segnaletica che, secondo Fiordi, “in alcuni tratti crea delle situazioni addirittura paradossali”. La possibilità di rilevare infrazioni senza contestazione immediata è stata estesa principalmente alla Via Flaminia e al raccordo Terni-Orte. Ciò sta creando diverse incongruenze, soprattutto lungo la Via Flaminia, dove i limiti si devono adattare alla varietà della strada. Il consigliere di opposizione cita alcune strambe situazioni che esistono soprattutto lungo la Via Flaminia: “Nel tratto che attraversa l’abitato di Narni, in Via Roma, vige il limite di 10 chilometri l’ora per chi sale verso Narni, il limite di quaranta all’ora nella corsia opposta; in via del Popolo – continua Fiordi – vige il limite di quaranta chilometri orari a salire e il limite di dieci chilometri orari per chi percorre la corsia opposta”. Per non parlare del pericoloso incrocio che porta alla frazione di Ponte San Lorenzo: “Il limite nei pressi dell’incrocio è di trenta chilometri orari – spiega Fiordi – e non viene rispettato da nessuno”. Il limite entrò in vigore tra la fine degli anni ottanta e l‘inizio degli anni novanta, quando l’incrocio provocò una serie impressionante di incidenti, talvolta addirittura mortali, provocati da automobilisti che sfrecciavano a velocità folli nel tratto in questione. Secondo il consigliere di opposizione, è inutile continuare a tenere in vigore limitazioni alla velocità come quelle che vietano di superare i dieci chilometri orari, anche perché è praticamente impossibile rispettarle. “Se i limiti esistono vanno rispettati, - dichiara Fiordi – attualmente mi sembra che gli automobilisti ignorino diverse limitazioni alla velocità proprio per la loro inadeguatezza, quindi l’amministrazione dovrebbe monitorare tutta la segnaletica vigente e adeguare i limiti di velocità alle effettive esigenze della circolazione”.

5/11/2003 ore 11:30
Torna su