Venerdì 14/12/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:45
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: è polemica fra M5S e Pd, i due gruppi politici "litigano" sulla questione dei pannelli antirumore
Sono arrivati a "litigarsi" il merito di aver convinto due consiglieri regionali a presentare una interrogazione riguardante il problema dei rumori che arrivano dal Rato e che creano disagi agli abitanti di San Liberato. M5S e Partito Democratico si punzecchiano. L'intervento dei Cinque Stelle non è andato giù al Circolo Pd di San Liberato che ci tiene a spiegare la lunga storia riguardante la mancata installazione delle barriere antirumore. "Interpretare, da parte del M5S, l'interrogazione dei consiglieri regionali Leonelli e Solinas sul tema delle barriere fonoassorbenti - inizia il comunicato -, come un esercizio di bizzarre alchimie politiche e non nel merito dell'iniziativa è quantomeno poco rispettoso verso la cittadinanza. Cittadini a cui interessano poco i giochini delle bandierine, ma che in queste vicende vorrebbero vedere l'impegno di tutta la politica locale per cercare di risolvere il problema. Che la necessità delle barriere fonoassorbenti sul Rato lungo l'abitato di San Liberato l'abbiano percepita, per caso ma finalmente, anche i grillini ci rallegra e se potranno dare il loro contributo alla causa ne saremo estremamente felici. Certo, l'accusa di immobilismo da chi prima di giugno forse non sapeva nemmeno dove fosse San Liberato ed ora viaggia a chiamata, evocando situazioni di abbandono e degrado a scopo propagandistico, è prova di non conoscenza del territorio e di poco rispetto verso quel partito che da sempre si batte per la frazione e per i suoi cittadini, con importanti risultati da sempre riconosciuti anche dalle opposizioni. Inevitabilmente, la superstrada ha generato da sempre problemi alla frazione, ma i cittadini, il partito e le istituzioni, con impegno e costanza, sono giunti spesso a risultati importanti. Una prima battaglia fu condotta per fare gli svincoli eliminando gli attraversamenti a raso. Il partito (allora Pci) era in prima linea. È da oltre dieci anni che si producono costantemente come Pd (prima Ds) mozioni ed interrogazioni ai vari livelli istituzionali per impegnare Anas ad intervenire sui due temi più sentiti: l'isolamento della frazione e l'installazione delle barriere fonoassorbenti. Dalla mozione in consiglio provinciale dei consiglieri Tassi e Montagnoli (2004) all'interrogazione in parlamento della deputata Nardi Pd (ex Sel) nel 2015, passando per i vari interventi in consiglio comunale e per le interrogazioni della consigliera Gilioni in Regione (2005-2008), fino alle discussioni sul progetto Autostrada in comune nel 2006 e nel 2009. Un dinamismo del Pd e della nostra amministrazione che ha fatto si che il 13 settembre 2014 sia stata inaugurata la bretella di collegamento Nera Montoro-San Liberato, una delle due infrastrutture attesa da anni, esempio della buona politica, capace tra mille difficoltà di raggiungere anche grandi risultati. Organizzare incontri con la cittadinanza e l'amministrazione - continua la nota del Circolo di San Liberato -, per noi del Pd è una normalità, lo facciamo da sempre più volte all'anno; ascoltiamo le varie problematiche, certo il tema barriere oggi è il più sentito e per questo cerchiamo di mantenere informata la cittadinanza programmando insieme le azioni da fare. L'ultima volta ne abbiamo discusso ad agosto di quest'anno, durante la Festa de l'Unità, con la presidente Marini. Incentivare la partecipazione della cittadinanza è per noi regola fondamentale. È imminente la calendarizzazione in Anas di un incontro a tre, con Regione e Comune al quale, sicuramente, si andrà con gli esiti delle indagini acustiche e ambientali predisposte da tempo dall'assessorato comunale competente e Arpa con la collaborazione di alcuni cittadini. In quella sede i nostri rappresentanti cercheranno come sempre di trovare la via più percorribile per ottenere il risultato. Il Pd è composto da uomini e donne serie che amano il proprio paese; esso non si muove per interessi particolari ma per il bene di tutta la comunità. Il Pd non tenta nessuna 'furbata' perché non cerca facili protagonismi o passerelle social. Noi non abbiamo paura di chi vuole dare seriamente il proprio contributo per il bene del paese, ma di chi con presunzione e senza un briciolo d'umiltà pensa di possedere la soluzione a qualsiasi tipo di problema e non ha la benché minima idea di quanto sia difficile oggi amministrare un territorio così vasto. La comunità del Pd c'è stata, c'è e ci sarà sempre, con il massimo impegno, al fianco dei cittadini".
27/11/2017 ore 15:45
Torna su