Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:40
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Pro-Narni: Eleonora Mancini nuovo presidente ma le polemiche continuano. Marcello Contavalli: "E' stata tutta una farsa"
La Pro-Narni ha un nuovo presidente. Si chiama Eleonora Mancini: giovane, bella ed anche laureata; insomma davvero un bel presidente. Finite le polemiche che avevano accompagnato le tanto discusse elezioni alle quali avevano partecipato si e no il trenta per cento dei soci aventi diritto al voto, gli otto membri del comitato direttivo si sono riuniti per eleggere presidente e vice della “nuova” Pro-Narni”. La nomina di Eleonora Mancini, però, non ha messo la parola fine alla lunga e tormentata vicenda che per lunghi mesi aveva accompagnato la vita dell’associazione turistica cittadina. Anzi, la scelta della giovane presidentessa ha dato la stura a nuove polemiche e nuove accuse che molti cittadini hanno rivolto verso la pro-loco. “La nomina di questa pur brava ragazza a presidente di un ente così importante per la nostra città-afferma risentito Marcello Contavalli, personaggio assai noto in città-rappresenta l’ennesimo atto di una farsa che alla pro-loco di Narni va avanti da qualche anno. Io non ce l’ho con la Mancini che, voglio ripeterlo, è una ragazza in gamba, però dico che la sua elezione lascia perplessi quanti, come il sottoscritto, hanno seguito gli sviluppi della ridicola vicenda che ha caratterizzato l’ultimo anno di attività dell’associazione”. Contavalli si riferisce alle dimissioni presentate un anno fa circa dall’ex presidente Edoardo Antonini, al suo ripensamento ed alla nuova decisione di mollare tutto, questa volta in compagnia degli altri sette membri del consiglio direttivo”. E fino a qui la cosa, benché anomala, poteva anche starci; ma è stato il passo successivo che ha scatenato critiche in città, poiché i consiglieri dimissionari hanno avuto il coraggio di ripresentarsi alle nuove elezioni e di proporre la loro candidatura, con il risultato che i 53 elettori che sono andati alle urne li hanno votati e quindi eletti per far parte del nuovo direttivo. Una “farsa” bella buona che aveva mandato su tutte le furie molti cittadini che avevano criticato l’operato svolto negli ultimi anni dalla Pro-Narni: “Sanno organizzare solo la festa della castagna e la corsa delle carrette, mai che mettano in piedi iniziative di un certo spessore culturale. Ed ora con questa storia delle dimissioni e delle elezioni-beffa stanno davvero facendo ridere la città”. Sulla questione era intervenuto Marco De Arcangelis, un consigliere della vecchia guardia rieletto nel nuovo direttivo: “Non è vero che la pro-Narni è allo sbando e le dimissioni dei consiglieri hanno rappresentato un atto di grande responsabilità da parte loro. Vedrete che il nuovo direttivo saprà farsi valere”. Voci attendibili davano come candidato numero alla poltrona di presidente della pro-Narni l’ingegner Roberto Franceschini, un nome nuovo che avrebbe fatto contenti anche coloro che avevano criticato la ricandidatura di Antonini e soci; poi ieri si è saputo che il comitato aveva deciso diversamente. “L’elezione di Eleonora Mancini è stata una mossa decisa dai consiglieri dimissionari-tuona Contavalli-e questo non mi sta bene. Non si può mettere a capo dell’associazione una giovane inesperta ed impreparata per un ruolo così delicato. La cosa puzza di bruciato ed è per questo che ho riconsegnato la mia tessera di socio; ero andato a votare sperando che ci potesse essere una sterzata, invece noto con dispiacere che c’è chi da dietro le quinte tenta ancora mandare la pro-Narni nella direzione sbagliata”.
19/5/2004 ore 3:55
Torna su