Martedì 07/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ponte San Lorenzo e San Faustino: manca l'acqua per due giorni di seguito, cittadini arrabbiatissimi
Per gli abitanti di Ponte San Lorenzo e San Faustino, ricominciano i disagi dovuti alla mancanza di acqua. Per due intere giornate i cittadini di questa vasta zona del territorio narnese sono rimasti con i rubinetti a secco e nonostante le centinaia di chiamate fatte al Sii, il problema è stato risolto solo nella giornata odierna. Da quanto riferiscono le decine di famiglie che hanno subìto il grave disagio "l'azienda fornitrice non si è preoccupata minimamente di affrontare l'emergenza con una servizio di autobotti, tanto che ci siamo dovuti arrangiare alla meno peggio, andando di nostra iniziativa a prendere acqua nelle località vicine". La gente della zona è arrabbiatissima e vuol sapere il perchè di tali disagi. Il Sii fa sapere che il problema è stato determinato da "criticità causate dal malfunzionamento di alcune valvole risultate ostruite", nonchè "dall’aumento del consumo di acqua per vari usi legato all’innalzamento consistente delle temperature di questi giorni". poi viene spiegato il tipo di intervento che è stato fatto e che ha permesso di ripristinare la normale erogazione dell'acqua in tutta la zona rimasta a secco per due giorni. "L’intervento - affermano dal Sii - è consistito nella ripulitura e rimessa in funzione delle apparecchiature interessate che ha permesso di ripristinare, a livello generale, le normali condizioni di distribuzione idrica per i cittadini della zona". “I nostri tecnici – spiegano il presidente del Sii Stefano Puliti e il direttore generale Paolo Rueca – stanno tenendo sotto controllo le strumentazioni per seguire tutto il sistema locale di distribuzione. Tale operazione ci consente di monitorare in tempo reale la situazione e verificare l’eventuale insorgenza di problemi provocati soprattutto da perdite occulte. La presenza dei tecnici ci permette di intervenire tempestivamente in caso di necessità". "Speriamo che sia vero - fanno eco i cittadini ai due massimi responsabili del Sii - perchè per quanto ci riguarda non siamo più disposti a tollerare questo tipo di situazioni. E comunque quando pure dovesse capitare un'emergenza, che si appronti immediatamente un servizio di autobotti, tale da garantire la fornitura di acqua".
21/6/2012 ore 17:38
Torna su