Venerdì 10/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Otricoli: riprendono le visite guidate all'area archeologica e al Casale di san Fulgenzio
In occasione della undicesima edizione della “Settimana della Cultura” (18-26 Aprile 2009) e della Festa dei Piccoli Comuni, la Società Munus (gestore dei due spazi museali e dell’area archeologica di Otricoli) in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria, aderisce alle iniziative nazionali organizzando numerosi eventi. Per l’occasione ci saranno delle aperture straordinarie dell’Antiquarium “Casale di san Fulgenzio” (sabato 4, 11 e 18, domenica 5, 12 e 26 e lunedì 13 aprile). L’Antiquarium Casale San Fulgenzio, situato all’interno dell’area archeologica di Ocriculum, è impostato su una cisterna romana a vista, costituita da un unico ambiente rettangolare coperto con volta a botte (lungo m. 28, largo m. 4,30 e alto m. 4,25), pertinente ad una villa suburbana costruita in opera cementizia. L’intero ambiente di circa mq. 230, completamente ristrutturato per permettere la visita alla cisterna, ospita un’aula didattica e una mostra archeologica permanente costituita da reperti inediti e di grande pregio rinvenuti durante le campagne di scavo condotte, dal 1960 al 2005, nell’area archeologica di Ocriculum; di notevole pregio tra i reperti archeologici esposti: i vasi preromani in bucchero (rinvenuti nelle necropoli preromane di Cerqua Cupa e Crepafico), due urne cinerarie marmoree decorate, numerose terrecotte architettoniche, i frammenti di un letto funebre decorato in osso e le numerose iscrizioni, ritratti e sculture in marmo. Sono in programma anche visite guidate presso l’area archeologica di Ocriculum. Essa si estende su di una superficie di circa 36 ettari e rappresenta certamente, per le sue dimensioni, per lo stato di conservazione, le caratteristiche dei suoi monumenti e per la ricchezza dei materiali rinvenuti durante gli scavi, uno dei centri più importanti non solo dell’Umbria ma dell’Italia centrale. I resti dell’antica città romana sono inseriti in un paesaggio naturale di notevole bellezza per la varietà delle culture, per l’aspetto del terreno, e per la vicinanza del Tevere formando un complesso unico dal punto di vista archeologico e ambientale. Della città di Ocriculum, visitabile con percorsi pedonali, sono attualmente ben visibili le principali strutture della città romana: imponenti monumenti funerari di diverse tipologie, l’Anfiteatro, le Terme, un pilone monumentale d’ingresso, un grande Ninfeo, un tratto basolato di Via Flaminia su cui si affacciano un monumento funerario rotondo e una fonte pubblica, l’area del foro e della basilica, il Teatro, l’imponente monumento delle Grandi Sostruzioni e una cisterna romana a vista su cui poggia l’Antiquarium Casale S. Fulgenzio. Le visite all’area sono in programma sabato 18 e 25 e domenica 19 e 26 aprile, dalle 10 alle 15.
3/4/2009 ore 16:59
Torna su