Domenica 19/11/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:52
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ospedale Narni-Amelia: il centrodestra è scettico riguardo alle promesse fatte dall'assessore regionale
Ospedale unico. Se ne torna a parlare. L'assessore regionale Barberini ha rassicurato i cittadini riguardo al fatto che l'opera verrà realizzata a breve. Lo ha detto davanti ai consiglieri comunali di Narni e di Amelia, in occasione di un consiglio "a rerti unificate". Era presente anche il dg della Usl 2 Imolo Fiaschini. Ora, dal momento che di 'promesse' di questo tipo in passato se ne sono sentite parecchie, resta da vedere se quanto affermato dall'assessore si realizzerà, oppure no. Da parte sua il vice sindaco di Amelia Nunzi è stato categorico: “Vigileremo con costanza, come istituzione, e a differenza di quanto accadeva nel passato, lo faremo su quanto avverrà, senza sconti ed indulgenze sul rispetto degli impegni assunti”. Barberini ha confermato l’approvazione definitiva del progetto da parte del Ministero della Salute, resta tuttavia l'incognita dei soldi che mancano per al costruzione del nuovo ospedale. Chi li metterà? “Le nostre attenzioni – puntualizza Nunzi - si sostanziano soprattutto in due aspetti: Certezza dei tempi e delle risorse nella costruzione del nuovo ospedale e mantenimento e potenziamento dei servizi nell’attuale presidio fino alla completa realizzazione di quello nuovo”. Nunzi ha anche colto l’occasione per ricordare che “durante la seduta di Consiglio abbiamo chiesto all’assessore regionale alla sanità e al direttore generale della Usl 2 Imolo Fiaschini, di informare le istituzioni locali sullo stato dei servizi sanitari nel comprensorio amerino-narnese. Ringraziamo l’assessore regionale ed il direttore generale – ha aggiunto Nunzi - per aver accolto il nostro invito e soprattutto per le rassicurazioni ottenute sia in ordine alla nuova delibera che predispone l’avvio per la costruzione del nuovo ospedale comprensoriale, sia per quanto concerne la soluzione a breve di problemi relativi al potenziamento del personale e alle prestazioni erogate: in primis il dh oncologico, il day surgery chirurgico e la riduzione dei tempi delle liste di attesa. Tuttavia gli anni trascorsi e gli impegni disattesi pesano sulla situazione attuale e non possono cancellare i troppi ritardi che hanno aggravato l’assetto sanitario del territorio, depotenziando l’esistente a fronte di impegni al mantenimento di servizi che invece sono stati progressivamente smantellati".
SERGIO BRUSCHINI: E' TEMPO DI ELEZIONI, TORNA LA 'STORIELLA' DELL'OSPEDALE UNICO
Molto meno "indulgente" è invece Sergio Bruschini (Forza Italia) il quale definisce la presenza ad Amelia di Barberini e Fiaschini, come "l'ennesima presa in giro". "Non si capisce - afferma Bruschini - se la 'visitina' fatta dai due esponenti al consiglio di Amelia, sia stata il frutto dell'invito ricevuto dal Pd di Narni che è in campagna elettorale o cosa. Barberini e Fiaschini erano davvero lì in veste istituzionale o come 'compagni' di partito? E comunque che 'nuova novella' hanno dato? La solita di sempre: ovvero che l'ospedale si farà e che tutto è a posto. Certo, ci sono le elezioni e quale occasioni migliore potrebbe esserci per il Pd per tirare di nuovo fuori dal cilindro la 'favoletta' dell'ospedale unico? Mi permetto di ricordare ai signori del Pd narnese che il sindaco di Amelia recentemente ha perso le elezioni anche per colpa delle tante rassicurazioni date ai suoi cittadini riguardo alla imminente realizzazione dell'ospedale unico. Hai visto mai che De Rebotti dovesse 'inciampare' anche lui sulla stessa questione? I narnesi, al pari degli amerini, sono anni che sopportano le bugie che gli vengono propinate riguardo all'argomento 'ospedale unico', quindi non si lasciano più turlupinare da nessuno. Sulla questione sanità - rincara Bruschini -, la gente è al massimo dell'esasperazione. Nessuno ha ancora dienticato la fine che è stata fatta fare al punto nascite, nè il ridimensionamento che stanno subendo i due ospedali di Narni e Amelia. La verità è che il nostro territorio per 30 anni è stato lasciato in stand-by mentre a Perugia fiorivano strutture d'avangurdia. I narnesi non debbono dimenticarsi di questo".
31/3/2017 ore 3:53
Torna su