Domenica 17/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:50
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Nera Montoro: vecchi edifici ridotti a dei ruderi, la gente si chiede se sono pericolosi per il traffico ferroviario
Ruderi. Non si può definirli in maniera diversa. Sul territorio narnese se ne contano diversi. Quelli dei quali ci occupiamo in questo articolo ci sono stati segnalati da alcuni lettori di Narnionline.com. Le foto sono eloquenti e mostrano due diverse realtà che versano in uno stato di abbandono totale e degrado. Entrambi gli immobili si trovano a Nera Montoro, ad un chilometro scarso di distanza l'uno dall'altro. Il primo rudere è quello che si incrocia dopo l'uscita per Nera Montoro, viaggiando in direzione di Narni. Si tratta di una costruzione che in passato deve avere ospitato un'officina e comunque un luogo di lavoro. Accanto ad essa c'è una vecchia palazzina abbandonata a due piani. Due strutture che mostrano in modo impietoso i segni del tempo. A preoccupare quanti ci hanno segnalato lo stato di degrado in cui versano, è il fatto che esse si trovano poco distanti dalla ferrovia e dalla stessa strada. Ci si chiede, se queste strutture siano sicure e se, in caso di malaugurati crolli, possano crearsi delle situazioni di pericolo sia per i convogli che passano lungo i sottostanti binari della linea Roma-Ancona, che per gli autoveicoli in transito lungo la statale. L'altro edificio, ridotto malissimo, si trova a circa un centinaio di metri dalla stazione di Nera Montoro, in fondo ad una strada sbarrata. Si tratta di una grande costruzione a tre piani. Un edificio molto grande che nel secolo scorso faceva parte di uno dei complessi industriali della zona. Qui la situazione sembra essere davvero allarmante perchè i binari della ferrovia scorrono a poca distanza dal palazzo le cui condizioni sembrano essere a dir poco precarie. I terremoti degli ultimi mesi potrebbero aver pregiudicato, più di quanto non lo abbiano fatto in tanti anni le vibrazioni prodotte dal passaggio dei treni, la staticità sia di questo edificio che delle altre due strutture delle quali abbiamo parlato sopra. I cittadini si chiedono se questi immobili sono stati controllati e se tutto è in sicurezza. Al tempo stesso la gente si chiede se c'è una ragione in base alla quale dei ruderi di queste proporzioni debbano rimanere in piedi, a così poca distanza dalla ferrovia, dalla strada e da altre case.
24/1/2017 ore 4:25
Torna su