Giovedì 27/07/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:30
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Nera Montoro, cattivi odori alle stelle, Forza Italia: "che fine ha fatto il 'diktat' del sindaco?"
Sarà per il caldo torrido di questi giorni, o per il fatto che, in realtà, quei cattivi odori da quelle parti sono tornati a farsi sentire in maniera forte. Comunque la si voglia vedere, la situazione che si registra in questo periodo a Nera Montoro sembra essere piuttosto allarmante. Le puzze agitano i sonni, e non solo, degli abitanti della vallata e dunque a nulla è valsoil 'diktat' imposto la scorsa settimana dal sindaco alla GreenAsm gestore dell'impianto dal quale sembra provengano i cattivi odori. A rilevare la situazione critica è Sergio Bruschini (Forza Italia) che parla di "un lezzo indescrivibile". Con ironia il consigliere dell'opposizione si domanda: "Ma non era tutto a posto? Non era stato eseguito tutto quanto era necessario per ovviare a questo stato di cose? E’ più di un anno che era stato promesso solennemente, nel corso di una partecipata ed infuocata riunione con i cittadini, che la situazione sarebbe stata normalizzata. Un assessore promise controlli, soluzioni, insomma l'eliminazione del problema. Devo rilevare che, prutroppo, la situazione è addirittura peggiorata. Il comune giorni fa ci ha parlato di 'nasi elettronici', ma non ci vogliono marchingegni speciali per avvertire, e 'registrare' la puzza che c'è dalle parti di Nera Montoro. Basta transitare in macchina e pure a finestrini chiusi, per rimanere 'ammorbati'. Immagino come possano stare le centinaia di persone che vivono in zona e che sono costrette a convivere giorno e notte con questo problema. Il sindaco giorni fa aveva solennemente intimato all’azienda, di eliminare ogni forma di fuoriuscita di tutti gli effluvi maleodoranti, salvo poi rinominare assessore colui che, a fronte del problema, non era stato in grado di fare nulla. Aspettiamo - chiude Bruschini -, con ansia che in Consiglio qualcuno venga a riferirci sullo stato dell'arte della situazione e le reali soluzioni messe in campo, con relativi tempi e verifiche. Senza dimenticare che la situazione ha carattere d’urgenza".
10/7/2017 ore 14:10
Torna su