Mercoledì 20/09/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:57
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, vigili sotto organico, Amici (TpN): "otto mesi fa chiedemmo al sindaco di fare qualcosa, ma lui non ci ha manco risposto"
Vigili sotto organico. Interviene Tutti per Narni. "Il 1 settembre del 2016 - afferma in un comunicato Alessandro Amici -, presentammo una interrogazione scritta, con obbligo di risposta entro 30 giorni come previsto per legge. Sono trascorsi più di 8 mesi ed ancora stiamo aspettando che qualcuno ci risponda. Nel documento denunciavamo la ormai insostenibile situazione di sottorganico che vi era nella Polizia Municipale narnese. Per dimostrare ai cittadini narnesi che quello che noi dicevamo a settembre era qualcosa di molto importante, riproponiamo a margine di questo intervento, quella interrogazione. Non vogliamo fare - continua Amici -, nè retorica, nè, tantomeno, demagogia. Queste cose le lasciamo fare al sindaco uscente. Vogliamo solo che lui ci desse quelle risposte che aspettiamo da settembre e che ci spiegasse quali sono i motivi che hanno portato alla situazione attuale che vede il corpo dei vigili urbani sotto organico ed in forte agitazione, come non era mai accaduto in passato.
L'INTERROGAZIONE PRESENTATA DA TPN IL 1 SETTEMBRE
"Leggiamo sulla stampa della carenza dell’organico della Polizia Municipale che non può far fronte ai principali servizi istituzionali anche a seguito della fuoriuscita degli agenti straordinari le cui assunzioni non sono più prorogabili. Ma di chi è la responsabilità di questa situazione se l’amministrazione, anziché attingere ad una vecchia graduatoria ritenuta pienamente valida dal Tar dell’Umbria a seguito di ricorso di un concorrente utilmente collocato, ha preferito ricorrere all'assunzione di agenti straordinari con relative spese per il vestiario e professionalità acquisita che sono entrambe perse con il terminare del contratto? Per quale motivo ha indetto un concorso pubblico a tempo indeterminato, preceduto da un avviso di mobilità pubblicato solo sul sito del Comune, dichiarando non idoneo l’unico vigile che ne aveva fatto domanda, mobilitando circa 1600 concorrenti, numero così numeroso a seguito della modifica del regolamento escludendo tra i requisiti la patente di guida per le moto, declassando così il corpo di Polizia Municipale alla stregua di quelli dei piccoli Comuni, sapendo che la normativa non lo consentiva, concorso poi revocato incassando circa 16.000 euro di tassa di concorso restituibili con procedura macchinosa per cui si chiede quanti ne sono stati restituiti. Per quale motivo, in carenza evidente di organico, le pattuglie vengono inviate con l’autovelox sul raccordo Terni-Orte distraendole dai loro compiti istituzionali, considerando che il Codice della Strada assegna ai Comuni la vigilanza stradale nei centri abitati?"
(Foto di repertorio)
11/5/2017 ore 4:35
Torna su