Martedì 30/05/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni verso le elezioni, Luca Tramini (M5S): "De Rebotti 'nasconde' il simbolo del Pd sui propri manifesti"
Sui manifesti elettorali del candidato sindaco Francesco De Rebotti non compare il simbolo del Partito Democratico. A sottolineare questa 'mancanza' sono gli esponenti del Movimento 5 Stelle. "Sotto elezioni - scrivono in un comunicato i pentastellati -, la dicitura Pd scompare dalla comunicazione politica del sindaco. Di fatto il centrosinistra prende le distanze da se stesso e lo fa sulla scia di quanto stanno facendo gli elettori italiani in quella che pare essere una vera e propria emorragia di consensi. Basterà questo artifizio - sichiedono i Cinque Stelle -, a far dimenticare ai narnesi la mancanza di prospettive per il futuro, in cui il 'regimetto' locale ha galleggiato, lasciando oramai Narni verso un declino, senza mettere fino ad ora sul tavolo prospettive reali di sviluppo? Non bastano i tanti treni persi a far svegliare le coscienze? Sperano, forse, quelli del Partito Democratico, che qualche trucco di prestigio riesca a coprire la corta catena che porta a quelle segreterie di partito, che da sempre annichiliscono il nostro territorio in favore del nord della regione? Arriva poi l’'Erolina' che in un incontro pensa di sanare le gravi assenze del Pd mostrate sino ad ora". "Consiglio a tutti i narnesi - suggerisce il candidato sindaco Luca Tramini -, di riprendere il vecchio programma elettorale di Francesco De Rebotti, perché anche all’epoca l’acronimo PD era nascosto, forse per non creare problemi. Leggerlo e chiedersi: ma tutte quelle belle parole impresse nella carta, ora, dove sono? Tutte quelle promesse fatte ed i sorrisi regalati, a cosa hanno portato? E’ vero, dire di 'Si' è importante, ascoltare i cittadini e sorridere è fondamentale per accaparrare qualche voto in più, ma, poi, di concreto, cosa resta? Questa città non ha più bisogno di 'foglie di fico' utili solo a garantire cinque anni di zavorra per il rilancio del territorio. Quello che serve è cambiamento ed il cambiamento è adesso; esso passa inesorabilmente per il M5S. Vogliamo risollevare le sorti di questo territorio e stiamo procedendo da mesi, da prima che fosse uno spot elettorale sia da parte del PD sia da parte delle alte forse politiche, con o senza simboli, da sole o male accompagnate, con una serie di incontri aperti per raccogliere idee dalla cittadinanza ed ascoltare i cittadini. Da qui bisogna ripartire: dal cittadino. Lui deve essere al centro di tutto, deve ritornare partecipe dell’amministrazione comunale, deve riprendersi in mano il proprio futuro, la propria città. Ecco cos’è il Movimento 5 Stelle è un mezzo; un mezzo che non esiste solo in campagna elettorale, che serve ai cittadini per riprendere il controllo. Questo è il vero cambiamento. Sono le istanze che partono da basso ed arrivano in alto, sino ai tavoli del governo cittadino. Sono i cittadini chiamati per primi a partecipare, a sollevare le problematiche che vivono tutti i giorni e con loro sviluppare soluzioni reali, questo è il vero cambiamento e non un mero spot elettorale, una chimera che durerà il tempo di un’elezione e poi scomparirà per altri 5 anni. A breve presenteremo le nostre idee, certi del fatto che esse rappresenteranno una rivoluzione copernicana per Narni. Vogliamo portare Narni verso il futuro che merita e non tenerlo rilegato nella lenta moviola che il Pd rappresenta per i cittadini liberi. Su di noi qualcuno può avere dei dubbi, ma verso chi ha mal governato non si possono che avere pessime certezze".
26/4/2017 ore 3:25
Torna su