Domenica 28/05/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:40
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni verso le elezioni: Gianni Daniele anche nel 2017 sarà il candidato a sindaco di Tutti per Narni
La notizia, tutt'altro che sorprendente, è che Gianni Daniele, leader della lista civica 'Tutti per Narni' si candiderà di nuovo a sindaco. L'altra notizia riguarda il fatto che TpN correrà da sola, quindi non ci sarà nessuna alleanza con i partiti che formano l'attuale opposizione. Le conferme sono arrivate nel corso del recente incontro che TpN ha organizzato per illustrare ai cittadini il proprio “Patto per Narni”. Si tratta delle linee guida del programma elettorale per le prossime elezioni amministrative. All'incontro, oltre a Gianni Daniele erano presenti i consiglieri comunali di TpN Alessandro Amici ed Enrico Daniele, più altri membri della lista civica: Cristina Pallozzi, Cecilia Cari e Giacomo Taddei e Vincenzo Leonardi. Daniele ha rinnovato l’impegno politico di TpN, sottolinenando il fatto che "a differenza di tutte le altre liste civiche che ci hanno preceduto abbiamo resistito ad una consiliatura e siamo pronti a ripresentarci come alternativa di governo". Leggendo il 'Patto', si evince che "la priorità viene data alla revisione della macchina amministrativa, una struttura sovradimensionata rispetto alle esigenze di un comune che ha perso la gestione diretta della rete idrica, elettrica e della raccolta dei rifiuti". Punto fondamentale del programma è "il coinvolgimento dei cittadini, che dovranno partecipare alle scelte strategiche in merito a traffico, ambiente, sociale e bilancio". "I cittadini narnesi - si legge in un comunicato diffuso da TpN -, non meritano una qualità della vita così scadente: una provincia di Terni caduta addirittura al 65esimo posto tra le provincie italiane secondo uno studio del Sole 24 Ore, scendendo di tre gradini nell’ultimo anno. Una disoccupazione al 12,5%, con quella giovanile al 51% nettamente al di sopra della media nazionale, un indice demografico in netto calo, Narni oramai al di sotto dei 20.000 abitanti". "La nostra ricetta? Non abbiamo la bacchetta magica ma abbiamo le mani libere e pulite, non dobbiamo obbedire a partiti o direttori. Saremo sempre e soprattutto dalla parte degli ultimi e dei più deboli, incentivando la collaborazione con le associazioni di volontariato. Avremo un’attenzione particolare all’ambiente, perché il nostro comune possa perdere insieme a Terni la 'maglia nera' dei comuni umbri più inquinati. Narni dovrà essere una cittadina di alta attrazione turistica, dovrà quindi perdere quell’aspetto trascurato e degradato che è l’attuale biglietto da visita della città calendarizzando eventi lungo tutto l’anno. Il Comune - recita la nota di TpN -, dovrà garantire pari dignità a tutte le frazioni, risolvendo in primis qualsiasi criticità legate ai servizi primari e sicurezza". Riguardo alla sanità, da Tpn affermano che "parlare di questo argomento è come sparare sulla Croce Rossa. Narni rischia di perdere definitivamente ogni eccellenza nell’illusione del nuovo ospedale".
20/10/2016 ore 3:43
Torna su