Domenica 23/04/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:25
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni verso le elezioni, Eleonora Pace: "non lasciamo la città nelle mani di chi l'ha condotta al declino"
Ha radunato una discreta folla. Eguagliando, per numero di presenti, quanto era riuscito a fare una settimana prima il suo avversario Francesco De Rebotti. Più di 70 persone si sono date appuntamento in piazza dei Priori per assistere al "battesimo" ufficiale della candidata a sindaco di Narni Eleonora Pace. La giovane espponente di Fratelli d'Italia, che in questa avventura è supportata anche da Forza Italia e dalla lista civica Progetto Narni, ha parlato per una trentina di minuti, mostrando un piglio autorevole che ha spesso strappato applausi alla folla presente. "Arriva il momento - ha detto -, nel quale occorre scegliere tra ciò che è facile e ciò che è giusto. Trattandosi di Narni e del suo futuro, non ho avuto dubbi su cosa scegliere: ho scelto di fare la cosa giusta. Contro il calcolo, le convenienze e gli attendismi, ho deciso di non tirarmi indietro davanti ad una sfida che raccolgo nel nome dei tanti che mi hanno spronata esprimendomi la loro fiducia e la loro speranza in un cambiamento vero. Faccio questa scelta con orgoglio - ha aggiunto -, ma senza protagonismo, accettando anche i rischi di una fase ancora in evoluzione dove, spero, che la compagine di partiti, movimenti, associazioni e semplici cittadini che già mi hanno espresso fiducia, possa allargarsi fino ad assumere le caratteristiche di quella 'coalizione del cambiamento', da me evocata fin dall’inizio e per la quale faccio ancora oggi appello a tutti affinché cresca, oltre ostacoli ed egoismi. Narni - ha sottolineato Eleonora Pace - tra le tante difficoltà che presenta, ha oggi la necessità di ribaltare e cancellare il 'Deficit di Futuro' accumulato in tanti decenni ed è per questo che, al di là del gioco di parole sul mio nome, lo slogan che abbiamo scelto è 'Narni caPACEdifuturo'. Perché il deficit di futuro accumulato rappresenta oggi la vera emergenza di questo territorio e perché, prima delle soluzioni che ognuno di noi può fornire, occorre avere il coraggio di una grande visone strategica, quella che è mancata alle precedenti amministrazioni che hanno continuato a galleggiare, senza opporsi in alcun modo al declino della città. Un declino evidente quello di Narni, che va al di là della crisi globale; un deficit infrastrutturale che ha imprigionato le potenzialità di questo territorio. Una sanità che è tutt'altro che esempio di efficienza; un progressivo degrado sociale legato all'aumento di reati e all'insicurezza che i nostri concittadini sperimentano con episodi di microcriminalità oramai quotidiani e un declino industriale inarrestabile che, da tempo annunciato, ha visto la totale incapacità di chi ha governato ininterrottamente le nostre istituzioni, di anticipare modelli alternativi di sviluppo coniugando tradizione ed innovazione". Eleonora Pace, unica donna a presentarsi per la carica di primo cittadino nella competizione narnese, ha elencato "i ritardi e le occasioni perse su quello che è il vero giacimento inesplorato delle grandi risorse turistiche legate alla storia, alla cultura ed all'ambiente". "Nei prossimi giorni - ha detto -, apriremo la partecipazione alla realizzazione del programma a tutti i cittadini di Narni attraverso 'Le primarie delle idee', una consultazione popolare dove sarà possibile fornire suggerimenti da inserire nel programma amministrativo. Il cambiamento è nelle vostre mani – ha concluso la giovane candidata -. Non lasciamo Narni nelle mani di chi l'ha condotta progressivamente verso un declino irreversibile e che oggi promette di risolvere, ciò che non ha risolto nei decenni precedenti".
3/4/2017 ore 3:15
Torna su