Martedì 30/05/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni verso le elezioni, De Rebotti presenta la sua coalizione e rivela: "ci ho pensato molto prima di ricandidarmi"
Il più "vecchio", sul banco "presidenziale", era lui. Il sindaco, Francesco De Rebotti. Che per presentare la sua candidatura "bis" ha scelto la chiave della "linea verde". Cinque giovani, in rappresentanza di altrettante liste. Tutte, ovviamente a sostegno del primo cittadino uscente. C'è quella 'canonica' del Partito Democratico, quella dei Socialisti, poi Sinistra Italiana e le liste “Insieme Possiamo” e “Lista De Rebotti”. A rappresentare il Pd c'era Silvia Tiberti da Taizzano, mentre il Psi era rappresentato da Giulio Mancini, figlio dell'indimenticato Franco, che tanto ha dato, attraverso il suo impegno politico, alla città di Narni. Per Sinistra Italiana c'era Stefano Stefano Grilli, mentre per le due liste civiche, Alessio Rubini rappresentava la "Insieme Possiamo" e Lorenzo Bonifazi "Lista De Rebotti". Una scelta, quella di farsi circondare da un gruppo di giovani in occasione della cerimonia di presentazione delle liste che sosterranno la coalizione di centrosinistra, che non è stata affatto casuale. I giovani rappresentanti hanno spiegato le ragioni che li hanno portati a fare questa esperienza e ad appoggiare la candidatura del sindaco uscente. Tutti hanno rivolto parole di apprezzamento per "Francesco", sottolineando "le tante e buone cose, fatte da lui in questi cinque anni per la città e per il suo territorio". Parere comune dei giovani candidati è stato quello di rimarcare come "Francesco è sempre stato il sindaco di tutti i narnesi; sempre presente ad ogni manifestazione, piccola o grande, e sempre pronto ad ascoltare i suoi concittadini". Insomma tutta una serie di attestati di stima e di incoraggiamenti che non potevano non far piacere a De Rebotti, il quale, da parte sua, ha fatto un lungo discorso dove ha cercato di toccare un pò tutti gli argomenti. "Ci ho messo molto tempo - ha esordito -, a prendere la decisione di ripresentarmi. Alla fine ho pensato che era un mio dovere continuare il percorso iniziato e che in questi anni ho svolto con impegno, passione e sacrificio". De Rebotti, molto umilmente, ha ammesso anche di avere commesso degli errori. "E' impossibile non commetterne - ha detto -. L'importante è saper riconoscere i propri sbagli e da essi trarne insegnamento". "Abbiamo fatto molto in questi cinque anni - ha aggiunto -. Contestualmente alle tante difficoltà che il periodo che stiamo attraversando ci ha messo davanti. Quello che posso promettere ai narnesi è che, se verrò riconfermato, continuerò a lavorare per Narni con la stessa perseveranza e lo stesso impegno". Ed ancora: "Questo incarico io l'ho sempre svolto a tempo pieno: dalla mattina presto, a notte fonda. Non si può pensare che il ruolo di sindaco lo si possa svolgere nel tempo libero. Anche stamattina - ha ricordato De Rebotti, alle 4,45 ero già in piedi perchè avevo delle cose, riguardanti il mio ruolo di primo cittadino, da fare". "La campagna elettorale è iniziata - ha aggiunto il sindaco -, mi auguro sinceramente che i miei competitor siano d'accordo con me sul fatto che essa si svolga all'insegna di un solo obiettivo: quello di mettere Narni al centro di tutto". "Sono innamorato della mia città e del nostro territorio - ha poi aggiunto De Rebotti -. Mi viene da dire che il 'Partito Narni' è il mio partito, prima ancora di quello politico del quale faccio parte". C'è stato anche il momento per una nota "polemica" lanciata all'indirizzo dell'opposizione. "Più volte negli ultimi tempi - ha detto -, ho sentito parlare i nostri avversari politici del fatto che la Sinistra 'è al comando a Narni da 80 anni'. Quasi che questa fosse una colpa che deve pesare sulla testa dei narnesi. Più volte ho sentito i rappresentanti dell'opposizione 'accusare' quegli stessi narnesi che da 80 anni scelgono di essere amministrati dalla Sinistra, quasi che fossero responsabili di chissà quale colpa. Voglio ricordare, a questi nostri avversari, che cosi facendo si offende Narni e si offendono quelle migliaia di nostri concittadini che liberamente e democraticamente da così tanti anni hanno compiuto la loro scelta".
25/3/2017 ore 14:45
Torna su