Venerdì 22/09/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: venerdi 18 novembre al teatro Manini va in scena "Carmen Story"
Carmen Story aprirà venerdì 18 novembre alle 21 al teatro Manini "Fantasmi all’Opera", rassegna di spettacoli organizzata dall’associazione Amici della Lirica e dall’Accademia musicale romana in collaborazione con il Comune di Narni. Lo spettacolo è una rievocazione della tragedia dell’indomita gitana nel ricordo, quarant'anni dopo, di chi ne fu testimone. L’opera, fortissimamente voluta da Georges Bizet che difese contro tutto e tutti la scelta dell’impatto brutale che sul pubblico avrebbe potuto esercitare un finale tanto tragico, fu rappresentata, senza successo, la prima volta a Parigi nel 1875. E il grande musicista morì pochi mesi dopo senza poterne gustare i trionfi successivi. Anche sulla trama che si dipana e sul dramma che si consuma sulla scena, proposto come “tragicommedia d’amore, corna e gelosia”, l’allestimento di Carmen story è tutto giocato sulla chiave della memoria e grazie a temi e tessiture originali è stato voluto dall’Associazione Amici della Lirica e dall’Accademia Musicale Romana come evento d’apertura di Fantasmi dell’Opera. Testi originali e sceneggiatura teatrale sono di Vincenzo Policreti che, laureato in Giurisprudenza e Psicologia, si divide tra la professione di psicoterapeuta e quella di scrittore. Di grande rilievo il cast, con Diana Bertini nel ruolo della protagonista, Vincenzo Sanso in quello di Don Josè, Orozbek Bakytov (Escamillo), Elena Oliva (Micaëla), Caterina Sebastiano (Frasquita), Rossana Ferri (Mercèdés) e gli attori Vincenzo Policreti (Moralès), Toriano Botti (Zuniga) e Andrea Allegretti (Escamillo). L’opera si avvale dell’Ensemble strumentale dell’Accademia Musicale Romana diretto da Sergio Oliva, che può vantare una lunga attività in importanti istituzioni lirico-sinfoniche e direzioni di successo nei maggiori teatri in Italia e nel mondo. La regia è di Renzo Segoloni, ripresa dallo stesso Sergio Oliva. Moralès, uno dei dragoni, e Zuniga, il loro comandante, sono i due testimoni del tempo cui è affidato, insieme all’ex torero Escamillo vecchio e malridotto dalle cornate ricevute, il ritorno di potenza del dramma che, nella rievocazione della memoria, si popola sulla scena delle figure di allora.
15/11/2016 ore 14:06
Torna su