Domenica 21/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: torna la sosta selvaggia in centro, allentata la morsa dei controlli le automobili hanno ripreso ad invadere i principali luoghi di divieto
Sotto il regno dell'anarchia. Instauratosi durante la campagna elettorale, quando per qualsiasi amministrazione diventa particolarmente difficile far rispettare le regole ai cittadini. Ma il periodo di "bonaccia" è passato e sarebbe opportuno che si tornasse ai vecchi sistemi, più coercitivi, ma di sicuro efficaci. Si parla di sosta selvaggia, ma anche di viabilità, argomenti che nel centro storico di Narni hanno sempre fatto discutere ma che nelle ultime settimane sono tornati prepotentemente di moda, visto il comportamento assunto dagli automobilisti. I punti "caldi" sono immancabilmente gli stessi: via Garibaldi, piazza Marzio, via dell'Asilo e via Gattamelata; con la "new-entry" piazza dei Priori che da quando è tornata libera è stata ben presto invasa dalle auto in sosta, in barba ai divieti che campeggiano ovunque in bella vista. Diminuito, fino a scendere ai minimi termine, il numero delle contravvenzioni elevate dalla polizia municipale, che invece, fino a qualche mese fa, imperversava in tutte le vie distribuendo foglietti verdi forse anche con esagerata "generosità". Allentata la morsa dei controlli gli automobilisti narnesi (e non solo) hanno preso il sopravvento, occupando tutte le superfici possibili. Il lato destro di via Garibaldi è tornato ad essere un lungo parcheggio non autorizzato, di piazza dei Priori abbiamo già detto, mentre piazza Marzio, che pure dovrebbe essere totalmente sgombra da automobili, ultimamente somiglia ad un piazzale adibito a pubblico parcheggio. La situazione di via Gattamelata, sia nella zona di Sant'Anna, che nella parte più a monte, è sempre stata drammatica e i residenti hanno ormai fatto l'abitudine a vedere auto parcheggiate anche in terza e quarta fila, mentre in via dell'Asilo è quasi sempre impossibile entrare a causa della presenza di automobili nella piazzetta delle ex carceri. Il buonismo adottato dagli amministratori durante la campagna elettorale sta venendo a noia a molti cittadini che abitano nel centro storico e che vorrebbero tornare a vedere la città più sgombra e meno inquinata.
11/6/2007 ore 5:26
Torna su