Lunedì 23/04/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: sulla strada di Marrano si corre troppo, urgono misure preventive da parte del Comune
Il buon senso sono in pochi ad usarlo. La voglia di correre prende il sopravvento e questo non fa che aumentare i rischi per l’incolumità delle persone. Strada di Marrano da diversi anni non è più quell’arteria secondaria utilizzata da pochi. Oggi è una strada molto transitata, che viene spesso scelta dagli automobilisti per spostarsi da Narni verso Terni e viceversa. Passare per Marrano, effettivamente, può risultare conveniente se si debbono raggiungere determinati quartieri di Terni, ma a ben vedere, questo percorso facilita, a prescindere, il collegamento con il vicino capoluogo e piace di più agli automobilisti per il fatto che esso, a differenza della Marattana e della Flaminia, è molto più scorrevole. I lunghi tratti rettilinei, però, hanno una controindicazione: l’alta velocità. Gli automobilisti, infatti, su questi tratti si dimenticano di guardare il contachilometri e ci danno spesso dentro sull’acceleratore. Un fatto, questo, molto pericoloso, perché Strada di Marrano oltre ad essere stretta, è costellata ai lati di abitazioni. La gente della zona, in seguito a questo problema, teme che prima o poi possa accadere qualche incidente di quelli gravi e quindi chiede che l’amministrazione comunale prenda dei provvedimenti tesi a fare in modo che gli automobilisti rispettino il limite di velocità che è di 50 km orari. Una presenza più costante da parte della Polizia Locale, magari con l'impiego dell'autovelox, potrebbe essere una soluzione. Altri "accorgimenti" potrebbero riguardare l'installazione di impianti autovelox fissi. Anni addietro il comune provò a risolvere la situazione dell'alta velocità lungo questa strada installandovi i famosi "Speed-check" arancioni. Per un periodo di tempo gli automobilisti tornarono ad essere tutti molto attenti alla velocità, poi quando si sparse la voce che dentro a quei "bussolotti" arancioni non c'era nessun congegno che fotografasse le auto che superavano il limite di velocità, la gente è tornata a correre.
27/3/2018 ore 3:43
Torna su