Martedì 12/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Subterranea festeggia i suoi primi 20 anni di attività con una serie di appuntamenti
Per festeggiare il suo ventesimo “compleanno”, l’associazione culturale Narni Sotterranea organizza alcuni importanti appuntamenti. Si comincia mercoledì 16 aprile, alle 10, giorno in cui nei locali della Narni sotterranea verrà inaugurata l'installazione permanente dell'acquedotto della Formina, costruito dai Romani nel I° sec D.C. All'inaugurazione prenderanno parte anche le scuole del comprensorio narnese che, durante il programma scolastico, hanno affrontato il tema dell'acqua, delle cisterne e dei Romani. Alla cerimonia sarà presente l'Onorevole Massimo Bray, ex ministro Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo, oltre al sindaco di Narni Francesco De Rebotti, l’assessore alla Cultura Gianni Giombolini, l’assessore regionale alla cultura Fabrizio Bracco e il Direttore Regionale per i Beni e le Attività Culturali Francesco Scoppola. Il 2 maggio presso l'Auditorium di San Domenico avrà luogo invece una serata intitolata “1994-2014 Narni Sotterranea - I primi venti anni della nostra storia”. L’evento si articolerà in due momenti, dalle 17 alle 18,30 con un incontro con tutti coloro che hanno aiutato l’associazione a crescere, poi verrà proiettato il documentario “Alla ricerca della Verità” che ha ottenuto primo premio al Festival Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto nella sezione “Archeologia e Società” ed in gara per il The Archaeology ChannelInternational Film and Video Festival in Oregon USA, in programma dal 9 al 13 maggio. “In venti anni – ricorda Riccardo Gilioni, vice presidente di Subterranea -, abbiamo fatto tante cose. Ci siamo dati da fare, rimboccato le maniche e sacrificati per un sito di natura artistico-archeologica che in questi anni ha visto nascere e crescere non solo persone ma rinnovare gli spazi scoperti dai sei speleologi dell’Utec nel 1979, abbiamo coltivato una pianta, l'abbiamo innestata ed ora sta dando i primi frutti. Di anni ne sono passati ma siamo ancora qui a condividere con i visitatori che ci vengono a trovare le nostre conoscenze e le nostre scoperte che speriamo vadano ad majora”.
13/4/2014 ore 5:55
Torna su