Mercoledì 12/12/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:30
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: spuntano nuove discariche alle porte della città, non bastano multe e controlli
Il fatto che pubblicare articoli che parlano di rifiuti abbandonati, secondo qualcuno non fa più notizia, non ci esime dal rimarcare come il ploriferare del fenomeno delle discariche abusive assuma ogni giorno che passa proporzioni inquietanti. La foto che pubblichiamo, a corredo di questo articolo, ne è l'ennesima riconferma. Sono stati, come spesso accade, i cittadini a segnalare la presenza di questi rifiuti. Che, e la cosa è ancora più grave, non si tratta di rifiuti "normali", ma di roba ingoimbrante, che per essere stata trasportata fino a lì ha richiesto tempo e fatica. Lo stesso tempo che l'autore, o gli auoti, di questo ennesimo scempio avrebbero potuto impiegare per portare i loro rifiuti presso la piattaforma ecologica di Maratta. I rifiuti che vedete in foto sono stati abbandonati poco dopo la cava di San Pellegrino, in direzione Amelia prima del bivio per la frazione narnese di Montoro. Due materassi ed una vecchia lavatrice, sono stati buttati nel bel mezzo di una strada bianca, la stessa dove spesso, durante il giorno, molti cittadini amanti delle escursioni, sono soliti andare a fare due passi, a piedi, ma anche in bici. Gli interventi delle guardie ecologiche, che pure, controllano assiduamente il territorio narnese, non bastano, purtroppo, a scoraggiare quelle persone che, evidentemente, non hanno a cuore il rispetto per l'ambiente e per la natura. Il territorio è vasto, le forze sono quello che sono e combattere contro una debordante ignoranza dei cittadini, ma spesso anche di individui che lavorano nelle ditte edili e di trasloco, diventa una lotta ad armi impari. Le forze dell'ordine e il Comune di Narni qualche risultato, negli ultimi anni, lo hanno raggiunto, ma si tratta diversi risultati negli ultimi due anni con denunce penali contro chi generava le discarice abusive. Telecamere, sorveglianza e altri metodi che vanno incrementati di concerto, però, con la creazione di una sana cultura del rispetto per l'ambiente.
25/1/2018 ore 2:53
Torna su