Mercoledì 16/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:07
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: torna a rivivere l'antico monastero di San Pellegrino, domenica 14 novembre la processione, una messa e la benedizione dei campi
Torna la tradizione con la festa di San Pellegrino. Domenica 14 novembre alle 14,30 una moltitudine di fedeli si muoverà in processione dal “passo” omonimo e salirà fino alla chiesa che si trova sopra ad un cucuzzolo situato sulle colline che sovrastano Narni Scalo. Intorno alle 15 verrà celebrata una messa cantata e successivamente il parroco del Ponte benedirà i campi ed i boschi circostanti. La festa si concluderà con una classica merenda “autunnale” a base di bruschetta, vino, salsicce e caldarroste. Le origini della chiesa di San Pellegrino nascondono dei particolari suggestivi: originariamente, infatti, la chiesa era un monastero che è rimasto “attivo” sino ad una quarantina di anni fa. Dalla fine dell’uso abitativo, con ben tre famiglie insediate, avvenuto alla fine degli anni sessanta il Monastero fu progressivamente abbandonato. Nei trent’anni successivi nell’antico complesso è regnata l’incuria, interrotta solo dalle ricorrenze del 17 gennaio e del 18 novembre, dedicate rispettivamente a Sant’Antonio Abate e San Pellegrino, il primo considerato il santo degli “animali”, l’altro quello della “pioggia”. Da poco più di dieci anni per iniziativa di alcune famiglie della parrocchia in cui ricade l’antico complesso (Madonna del Ponte) è tornato a risvegliarsi l’interesse intorno a questo luogo di spiritualità per farlo rinascere come meta di incontro e devozione. E’ stato avviato, quindi, un progetto per lavori di recupero, restauro e consolidamento finanziato dalla parrocchia del Santuario della Madonna del Ponte, guidata anche oggi da padre Lino Pozzuto e padre Giovanni Mazzoni, con l’ambizioso fine di destinare questo sacro luogo di culto anche all’accoglienza educativa dei giovani; il progetto fu co-finanziato anche dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Storici dell’Umbria. Da quattro anni, per iniziativa di un “Gruppo di laici salvatoriani” costituitosi presso la parrocchia della Madonna del Ponte, il Monastero è tornato ad una nuova vita

14/11/2004 ore 4:35
Torna su