Mercoledì 22/11/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo, tanta gente all'inaugurazione dell'edicola dedicata alla Madonna al bivio di via della Doga
Una cerimonia semplice ma molto sentita. E' quella alla quale hanno partecipato, nel tardo pomeriggio di venerdi 8 settembre, alcune decine di persone, al bivio fra via Tuderte e via della Doga a Narni Scalo. Quel folto gruppo di fedeli si era dato appuntamento lì per partecipare alla cerimonia di inaugurazione dell'edicola dedicata alla Madonna. Un'opera bella e significativa voluta in primis dal rettore del vicino santuario della Madonna del Ponte, monsignor Giorgio Brodoloni, ma anche da tantissimi cittadini di Narni Scalo. Il sacerdote ha introdotto la cerimonia ringraziando proprio le tante persone che hanno reso possibile la posa di questa piccola "cappella" dedicata a Maria. "Quella cui stiamo dando vita - ha detto monsignor Brodolini -, è una festa dedicata alla Madre di Gesù. Lei ci ha donato suo Figlio e noi oggi, le facciamo questo piccolo regalo, realizzando uno spazio a lei dedicato, che si trova in un punto cruciale della nostra città. Al centro di un bivio importante, perchè qui nasce il viale che porta al Santuario". Il sacerdote ha ringraziato pubblicamente le persone e le ditte che hanno collaborato alla realizzazione del progetto e alla posa in opera del manufatto. "Abbiamo messo insieme un 'pool' di persone, di professionisti e di imprenditori che con entusiasmo hanno aderito alla nostra richiesta". Monsignor Brodoloni ha poi sottolineato la disponibilità della famiglia Fratini, proprietaria del terreno dove è stata installata l'edicola. Poi un grazie particolare lo ha rivolto ai reclusi del carcere di Vocabolo Sabbione (alla cerimonia era presente la direttrice del penitenziario), che hanno realizzato la struttura in metallo che ospita il "quadro" in ceramica sul quale un artigiano del luogo ha "dipinto" la Madonna che tiene in braccio il Bambino Gesù. Alla cerimonia, in rappresentanza dell'amministrazione comunale, ha partecipato l'assessore Silvia Tiberti, che ha ringraziato Don Giorgio per l'impegno messo in questa circostanza ma anche "per le tante cose buone che sta facendo al Santuario dal giorno del suo arrivo". L'edicola è illuminata e quindi di notte e di sera essa è visibile da una certa distanza. La sua presenza richiamerà immancabilmente automobilisti e pedoni ed indicherà, a coloro che non sono del posto, la via giusta per raggiungere il santuario mariano situato a poche centinaia di metri da lì.
9/9/2017 ore 5:26
Torna su