Martedì 27/06/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:44
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: spuntano antiche tombe, i reperti in mostra al museo di Palazzo Eroli
Tutto è iniziato dal ritrovamento casuale di alcune tombe antiche lungo via Tuderte a Narni Scalo. Ed è stato grazie alla sensibilità di un imprenditore, Moreno Gubbiotti, il quale stava costruendo una rotonda vicino al monumento funerario, all'altezza della ex Fina a Narni Scalo. Quando la benna dello scavatore ha toccato un materiale insolito, Gubbiotti ha preteso lo stop dei lavori e richiesto l’arrivo della Soprintendenza, anche se tutto quello significava noie burocratiche. Le scoperte dopo sono state successive: due tombe ma anche la certezza che quel monumento funebre, ora se ne vedono solo i resti, possa nascondere altre tombe, altri elementi di conoscenza, elementi, ne sono convinti gli studiosi, che si trascinano lungo la strada consolare Flaminia sino ad Otricoli, sino a Carsulae, ed aspettano di essere riscoperti e fatti studiare. Comunque la zona della rotonda è stata attentamente ispezionata da responsabili della Soprintendenza prima di procedere con le gettate di cemento che ne consentiranno a breve l’apertura.
L'episodio ha suggerito agli amministratori di "costrire" un piccolo evento intorno a questi ritrovamenti, in modo da coinvolgere i cittadini e condividere con loro la scoperta che permette di conoscere ancora di più la lunga storia della città. Il Comune di Narni, che aderisce allea "Giornate Europee del Patrimonio", ha allestito da oggi pomeriggio sino a domani, una serie di incontri su "Le tombe ritrovate lungo la via Flaminia. Presentazione dei reperti archeologici". "Tale evento - dicono Francesco De Rebotti e Gianni Giombolini, sindaco e assessore -, è organizzato in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici per l’Umbria ed intende portare a conoscenza della cittadinanza di questi ritrovamenti che rappresentano una importante crescita del nostro patrimonio storico e culturale".
28/9/2013 ore 5:55
Torna su