Mercoledý 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: colpo al Conad Superstore, i ladri si portano via soldi e telefonini, poi rubano anche i pc collegati alle telecamere
Il Conad Superstore di Narni Scalo nuovamente assaltato dai ladri. E' successo la notte scorsa e stavolta i malviventi, a differenza di alcune settimane fa quando, "disturbati" evidentemente dal sistema di allarme furono costretti a scappare, si sono portati via i soldi contenuti nelle casseforti. I proprietari della struttura non hanno ancora quantificato il totale, ma si parla di un importo ingente. Il colpo Ŕ avvenuto in piena notte. Ad un certo punto sarebbe scattato l'allarme ed i proprietari si sono precipitati presso il negozio, dove, per˛, non avrebbero notato nulla di anormale. I ladri, evidentemente, erano nei paraggi e una volta tornata la calma nel piazzale hanno agito. Con ogni probabilitÓ si sono introdotti nel grande magazzino passando dal tetto. Il fatto che l'allarme stavolta non sarebbe scattato potrebbe far pensare che i banditi potrebbero aver messo fuori uso l'impianto in qualche modo, per poter cosi agire indisturbati. Una volta dentro i malviventi si sono diretti presso le cassaforti che sono riusciti ad aprire ed a svuotare. Poi la loro attenzione si Ŕ concentrata sui computer all'interno dei quali confluiscono le immagini del sistema di videosorveglianza, portandosi via anche quelli. Non soddisfatti hanno aperto la vetrina contenente i telefoni cellulari in esposizione ed hanno svuotato anche quella. Insomma tanti danni, che hanno costretto i proprietari del Conad a rimanere chiusi per tutta la mattinata rimandando alle 13, l'apertura del negozio. Quindi, oltre alla perdita dovuta al furto ed ai danni materaili provocati dai banditi, c'Ŕ anche quella, non meno grave, dovuta al mancato incasso di una intera mattinata. Sul posto, sin da questa mattina presto quando i proprietari sono arrivati ed hanno visto quello che era successo, si sono portati i carabinieri della Compagnia di Amelia che hanno avviato le indagini, anche con l'ausilio del personale dell'Arma del nucleo scientifico. Gli inquirenti ritengono che ad agire sia stata una banda specializzata in colpi di questo genere.
28/11/2016 ore 13:15
Torna su