Sabato 16/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Samuele Bussoletti vince 5mila euro alla "Prova del cuoco" e sponsorizza la nostra città
In poco più di un mese per Samuele Bussoletti, ingegnere della Sgl Carbon, ci sono state ben due apparizioni in Rai. Entrambe su trasmissioni seguitissime. Era successo a febbraio con “Mezzogiorno in famiglia” su Rai 2, l’esperienza si è ripetuta un paio di settimane fa, stavolta su Rai 1 nella trasmissione di Antonella Clerici “La prova del cuoco”. Samuele Bussoletti, dallo storico studio 1 di via Teulada 66 a Roma, in occasione di “Mezzogiorno in famiglia” aveva capitanato la squadra di Narni nella sfortunata sfida tra comuni. Una presenza che si era conclusa con la sconfitta contro i marchigiani di Servigliano, ma che era servita tuttavia a regalare una buona visibilità a Narni, grazie ai circa 2 milioni di telespettatori che avevano seguito la trasmissione da tutta Italia. Poi per Samuele c’è stata la chiamata a “La prova del Cuoco”. “Senza mia sorella Simona non avrei mai partecipato a questo gioco televisivo – ha rivelato Samuele -. E’ stata lei che, conoscendo la mia passione per la cucina e per il mangiare, ha telefonato alla trasmissione iscrivendomi al provino”. Samuele in trasmissione è stato abbinato alla squadra del Peperone verde e dal lunedì al venerdì è stato a fianco di cinque giovani ma esperti chef, scontrandosi contro la squadra del Pomodoro rosso. La gara consisteva nell’aiutare lo chef a preparare, in diretta e in 20 minuti esatti, due piatti con ingredienti a sorpresa il cui valore non doveva superare i 12 euro. Durante la preparazione dei piatti, Antonella Clerici interloquisce ora con l’uno ora con l’altro concorrente cercando di far conoscere i concorrenti al pubblico in studio e a casa. Alla fine di ogni puntata, il pubblico in studio votava i piatti migliori assegnando quindi un punto al concorrente vincitore. Solo nella puntata del venerdì, quella decisiva, i due concorrenti vengono giudicati da una esperta di cucina, Paola Ricas, la quale ha a disposizione ben 5 punti e quindi può ribaltare qualsiasi risultato. Nelle prime due puntate, quelle del lunedì e del martedì, Samuele è rimasto a zero, mentre Paola aveva guadagnato i 2 punti a disposizione: ma dal mercoledì è cominciata la rimonta che poi ha portato Samuele alla vittoria finale: 5.000 euro il premio per il vincitore. La gara è stata affascinante e nelle cinque puntate abbiamo potuto conoscere alcuni aspetti di Samuele, alcuni noti ed altri meno noti. Sposato con Francesca medico del pronto soccorso dell’ospedale di Terni (che lo ha seguito a Roma negli studi televisivi), Samuele ha molte passioni che fanno esplodere la sua parte più creativa; ama cucinare, ha un piccolo orto nel centro di Narni ed ha dichiarato che è tempo di piantare i pomodori. Ha parlato delle sue origini contadine, di cui ne va molto fiero, di come i suoi nonni avessero una splendida fattoria con tanti animali e nel corso di una delle puntate sono state mandate in onda due foto che ritraevano suo nonno in mezzo a due mucche e Samuele da bambino tra le galline del pollaio dei nonni. La passione per la cucina, ha spiegato, viene da lontano, da quell’affascinante mestiere del fare il pane in casa; ha raccontato che sua nonna Maria impastava ben 20 kg di farina alla settimana adoperando una gigantesca spianatoia. Per Samuele era quasi un mestiere magico, che trasformava in meraviglioso pane un miscuglio di polvere bianca ed acqua. Ed ancora si parlato dei messaggi ricevuti durante la settimana, in particolare di quello più insolito, venuto da Londra da parte della sua prima fidanzatina dell’asilo e lì la Clerici ha preso lo spunto per pubblicizzare la sua nuova trasmissione “E’ stato solo un flirt” che andrà in onda in prima serata su Rai 1. E ancora Samuele ha dichiarato il giovedì di aver speso in anticipo il premio dei 5.000 euro, entrando con la moglie in un famosa gioielleria nel centro di Roma. Sanuele ha parlato di Narni tutti i giorni, dichiarando che non cambierebbe per nulla al mondo la sua città, ma lo spazio pubblicitario maggiore è stato dedicato alla promozione della Corsa all’Anello con Samuele che ha spiegato alla Clerici il nostro evento, affermando che “la Corsa all’Anello è per Narni quello che rappresenta il Festival di Sanremo per la città di Sanremo”. Samuele si è persino cimentato nella recitazione delle prime frasi del bando: “Madonne, Cavalieri et lo popolo tucto…”. Poi l’invito rivolto alla conduttrice di venire a Narni nel periodo della festa, magari proprio domenica 13 maggio, giorno della gara al campo dei giochi “a fare l’ospite d’onore che consegna l’anello d’argento al Terziere vincitore”. Per quanto riguarda la prova culinaria, Samuele ha dato il meglio di sé negli impasti, ha realizzato i nostri famosi manfricoli, con acqua farina di grano duro e sale con un condimento di cime di rapa, burrata e dadolata di pomodorini, e una lasagnetta di carciofi e gamberi, tirando con il mattarello la sfoglia a base di uova e farina. Ed ancora in vetrina il nostro meraviglioso tartufo nero, che ha profumato uno splendido risotto con verde di zucchina e ricotta salata. Nella puntata di venerdì in studio era presente anche Andreina, la mamma di Samuele ed anche per questo la vittoria è stata ancor più importante…alla fine della trasmissione hanno esultato insieme. “E’ stata – ha detto alla fine -. Un’esperienza unica, in cui mi sono divertito molto, una trasmissione leggera in cui lo spasso e il buonumore sono le parole d’ordine. Bello l’ambiente televisivo ed è interessante vedere quante persone occorrono per creare uno spettacolo: produttori, microfonisti, sarte, cameraman, autori, ‘gobbi’; un esercito che in quell’ora e mezza di diretta si muove in perfetto sincronismo, con un unico obiettivo, la riuscita del programma. Spero di ripetere presto questo tipo di esperienze: ci sto prendendo gusto!”. E con 5.000 euro intascati, al gusto si accompagna anche la soddisfazione materiale di aver guadagnato divertendosi un bel gruzzoletto.
20/4/2012 ore 12:15
Torna su