Sabato 25/03/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: pericolo scampato, la Corsa all'Anello non rientra tra le gare equestri soggette a restrizioni
“La Corsa all'Anello si disputerà come di consueto la seconda domenica di maggio allo stadio San Girolamo e non c'è alcun rischio di sospensione della gara”. A tranquillizzare tutti sono i responsabili della segreteria tecnica dell'Ente Corsa all'Anello, Filippo Miliacca e David Bontempo. I due hanno ufficializzato la notizia dopo la riunione effettuata con i capo priori dei terzieri, gli altri segretari dell'Ente ed il sindaco di Narni Francesco De Rebotti. Quindi la giostra del 2017 si terrà regolarmente domenica 14 maggio. Nei giorni scorsi, un'ordinanza del Ministero della Salute che vietava l'utilizzo dei cavalli purosangue in alcune gare di velocità, aveva scatenato una serie di voci che volevano la Corsa all'Anello tra le giostre interessate dalla restrizione. Invece non c'è alcun rischio di sospensione ed a spiegare i motivi sono Miliacca e Bontempo. “L'ordinanza – affermano – si riferisce nello specifico alle gare dove più cavalli (purosangue) corrono nella stessa direzione. Le giostre come quella di Narni dove corrono due cavalli che si incrociano o come quella di Foligno dove corrono singolarmente non rientrano nell'ordinanza. Certamente, in futuro, non è escluso che anche le gare come la Corsa all'Anello, dove si utilizzano in questo momento purosangue, vengano interessate da ordinanze simili ed è proprio per questo che abbiamo chiesto ai responsabili delle scuderie dei terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria di cercare nei prossimi anni di acquistare per la corsa altre tipologie di cavalli, come ad esempio i mezzosangue, che abbiano caratteristiche fisiche diverse”. La Corsa all'Anello, quindi, per ora non corre rischi ma i responsabili dell'Ente Corsa hanno richiesto ai terzieri di organizzarsi per non far correre più i purosangue.
Serve una pista di sabbia sul terreno del "San Girolamo"
E c'è anche un'altra novità. “Ci siamo resi conto ormai da qualche anno – affermano Bontempo e Miliacca – che la Corsa disputata sul manto in erba del San Girolamo è rischiosa. Per questo motivo abbiamo inoltrato la richiesta di avere un terreno idoneo per la gara, con la sistemazione di una pista in sabbia al San Girolamo che vorremmo già dall'edizione 2017. Se la nostra richiesta non verrà esaudita, ci comporteremo di conseguenza”.
21/9/2016 ore 12:09
Torna su