Domenica 17/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: per la "Rivincita" osterie aperte tutta la settimana, si ricrea il clima delle sere di festa
Rappresentano il motore della festa ed anche quest’anno, in occasione della prima edizione di maggio, sono riuscite ad ottenere grandi risultati. Le osterie della Corsa all’Anello con i loro menù tipici hanno riaperto anche per la Rivincita (17-24 giugno) con nuove, importanti novità. Mezule ha aperto la Locanda del Pozzo, il forno che presenterà la tipica focaccia bianca e le Stranezze dove si potrà gustare la pizza farcita. Il menù della locanda sarà caratterizzato dai piatti della tradizione. Le due specialità? La pancia di vitella porchettata e la novità rappresentata dagli gnocchetti con la barbazza e la salvia. Il tutto accompagnato da buon vino del territorio e per quanto riguarda la pizza, da birra fresca. Fraporta ha aperto la sua osteria tipica. Il menù riproposto sarà lo stesso della Corsa all’Anello, caratterizzato da piatti della tradizione narnese. Le punte di diamante sono la polenta al sugo e le carni: arrosto misto e stinco di maiale al forno. Per il resto ci saranno tutte le specialità che da sempre caratterizzano i rossoblù, accompagnate ovviamente anche in questo caso da vino e birra artigianale. L’osteria darà la possibilità di mangiare all’aperto. Santa Maria ha aperto la Taverna degli Anelli, il forno con la sua focaccia bianca, ortolana e ripiena e l’agnellificio con i suoi rinomati arrosticini. Tutto anche nel caso degli arancioviola sarà accompagnato dal vino e dalla squisita birra cruda chiamata cervogia. Le due specialità della taverna saranno gli gnocchi al castrato ed il prosciutto al forno. Ovviamente non mancheranno gli altri piatti della tradizione. Nelle osterie, si possono degustare i manfricoli, un classico piatto della tradizione narnese. Simili alle tagliatelle ma più spessi, nascono dall’impasto di acqua e farina di grano duro, senza usare l’uovo nell’impasto. I manfricoli sono conditi con diversi tipi di sugo a seconda dell’offerta delle taverne.
18/6/2017 ore 2:55
Torna su