Domenica 21/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:08
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: meno soldi per i contributi sugli affitti: intanto è partito il bando per gli aventi diritto e scadrà il 31 marzo prossimo
Brutte notizie per le famiglie narnesi che hanno un reddito basso. I contributi sulle spese degli affitti, che in passato venivano erogati a favore di questi nuclei famigliari più bisognosi, hanno subìto una decurtazione del 47% a seguito dei tagli apportati dalla Legge Finanziaria. Questo costringerà anche quest'anno i responsabili dell'ufficio dei Servizi Sociali del comune a doversi inventare chissà quali alchimie per cercare di accontentare un pò tutti. "E' un problema che non riguarda solo il nostro territorio ma il Paese intero-commenta amaramente Delio Angeletti il capo dei servizi sociali-ed a rimetterci sono le famiglie meno abbienti che vivono in case affittate dove molto spesso pagano delle "pigioni" piuttosto salate. Negli ultimi anni abbiamo assistito un centinaio circa di queste famiglie, aiutandole in modo consistente nella spesa dell'affito. Ora le cose sono cambiate e con i pochi fondi a disposizione non sappiamo proprio dove metterci le mani". Intanto va ricordato che ci sarà tempo fino alla fine di marzo per chiedere il contributo. I narnesi che ne hanno diritto, perchè appartenenti ad una fascia di reddito di modesta entità, potranno presentare la loro domanda all'ufficio dei servizi sociali. Le speranze che il comune riesca ad accollarsi il grosso della spesa, però, sono subito da fugare. Se dal Governo i soldi non arrivano è impossibile per l'ente comunale reperire i fondi necessari a coprire una spesa così elevata. La colpa di questa situazione dipende anche dagli aumenti selvaggi degli affitti che si sono registrati negli ultimi anni. A Narni, come in tante altre parti d'Italia, molti proprietari hanno alzato i prezzi degli affitti mensili e questo sta penalizzando quelle famiglie che, non avendo una abitazione di proprietà, debbono giocoforza sottostare a questa forma di sopruso.
10/3/2004 ore 11:27
Torna su