Venerdì 18/08/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: l'arrivo della Tirreno-Adriatico, un'occasione imperdibile per far conoscere la città nel mondo
Le due tappe della Tirreno-Adriatico? Un’occasione straordinaria per Narni ed il suo territorio. I commenti delle persone intervenute alla presentazione dell’importante manifestazione ciclistica che toccherà Narni l’8 ed il 9 marzo, si sono tutti concentrati su questo aspetto. A seguire l’evento ci saranno milioni di telespettatori da ben 160 paesi di tutto il mondo. “E’ la prima volta in Umbria – ha sottolineato il sindaco Francesco De Rebotti – che la stessa città è sede di una tappa di arrivo e di quella successiva di partenza. Questo significa che la carovana della Tirreno-Adriatica sosterà per un giorno e mezzo sul nostro territorio, con tutte le ricadute economiche che un fatto del genere può avere”. Il sindaco ha poi ricordato che la manifestazione verrà in pratica organizzata a costo zero per il Comune:, dal momento che verranno spesi “solo cinquantamila euro, arrivati dai contributi della Regione e della Camera di Commercio”. “Il Comune – ha sottolineato De Rebotti – ci ha messo solo qualche spicciolo e ovviamente si dovrà far carico di tutto ciò che riguarda l’organizzazione strutturale dell’evento: viabilità, parcheggi e strutture da mettere a disposizione della carovana”. Il presidente della Camera di Commercio di Terni, il narnese Enrico Cipiccia, ha ricordato il giro del “Basso-Nera”, un’antica corsa ciclistica portata avanti per decenni da personaggi che oggi non ci sono più. E proprio questa antica competizione, in occasione della tappa dell’8 marzo, rivivrà i suoi antichi fasti grazie all’idea degli organizzatori di far percorre ai ciclisti il suo itinerario, prima di presentarsi al traguardo volante di via Tuderte. Alla conferenza stampa c’erano anche il presidente del comitato regionale umbro di ciclismo, Carlo Roscini ed il giornalista della Rai (ex ciclista) Gigi Sgarbozza. Il primo ha sottolineato l’importanza che la manifestazione avrà non solo per Narni ma per l’intera regione. “La tappa dell’8 marzo – ha detto Roscini – vedrà i corridori partire da Indicatore (Ar) ed arrivare a Narni Scalo, seguendo un percorso che attraverserà una buona fetta d’Umbria, quindi sarà un ottima vetrina anche per molte altre nostre città e paesi”. Sgarbozza si è invece soffermato sui grandi nomi che prenderanno parte alla competizione. “Ci saranno – ha detto l’opinionista della Rai -, i più grandi campioni di ciclismo a livello mondiale, gli stessi che rivedremo darsi battaglia tra qualche mese prima al Giro d’Italia e poi al Tour de France”.
1/3/2013 ore 13:35
Torna su