Domenica 21/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:07
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: la città è in lutto, ma all'agriturismo si fa ugualmente baldoria fino all'alba, l'indignazione dei politici
La tragedia che ha colpito la nostra comunità ha scosso tutti. Per tutti è stato un tremendo colpo al cuore apprendere, quel maledetto mercoledi mattina, del gravissimo incidente che è costato la vita a tre nostri ragazzi. Tutti ci siamo sentiti colpiti dentro. Tutti avremmo voluto fare qualcosa per essere vicino ai famigliari di questi tre giovani. In città è calata una cappa di tristezza che ha smosso le coscienze di tutti, facendo in modo che si prendessero delle iniziative che mostrassero in modo tangibile alle famiglie il cordoglio per la scomparsa dei tre ragazzi ed il dolore unanime di una comunità intera. Il Black Festival è stato in parte annullato, altre feste sospese, il Pd ha rinviato la Festa Democratica. Non tutti, però, hanno pensato di onorare la memoria di Michael, Maria Chiara e Marianna, attraverso un gesto solidale e di rispetto. Per i morti, ma anche per i vivi. C'è chi, infischiandosene di tutto e di tutti, il giorno dopo la tragedia (giovedi 19 agosto) ha avuto ugualmente voglia di fare baldoria, di organizzare "cene show" e di ballare fino alle 4 del mattino. Un atteggiamento discutibile, che mostra come non tutte le persone siano uguali. Nemmeno di fronte ad una tragedia come quella che ha colpito la nostra comunità la scorsa settimana.
E' successo in un agriturismo di Ponte Caldaro a Narni Scalo, a una manciata di chilometri di distanza dal luogo del tragico incidente, che già qualche settimana fa era finito sui giornali per via del fatto che il sindaco Bigaroni ha autorizzato i proprietari di questa struttura (agrituristica) a trasformare in discoteca gli spazi all'aperto. Tutti i giovedi, da giugno a settembre, con orario esteso fino alle 4 del mattino. Ebbene, questi signori, proprietario e organizzatori delle feste da ballo, non sono stati minimamente toccati dal grave lutto che ha colpito una città intera e giovedi scorso (19 agosto), preceduta dal solito eclatante battage pubblicitario, hanno fatto la loro consueta serata, con "cena show", dj, vocalist e ballo a bordo piscina. Ed il giorno dopo hanno provveduto a promuovere su facebook la loro speciale nottata, con decine di foto che non lasciano spazio a commenti, tanta e tale è l'allegria dipinta sui volti dei partecipanti alla festa.
Ognuno fa quello che si sente di fare, sia chiaro, ma ci sembra quanto meno discutibile che nessuno dell'amministrazione comunale abbia pensato la settimana scorsa di "invitare" gli organizzatori di queste serate, ad avere un minimo di rispetto e quindi di annullare la serata di giovedi. Quanto accaduto ha suscitato forte indignazione, non solo tra moltissimi cittadini narnesi, ma anche a livello politico.
Maria Lanari (Pdl) chiede al sindaco di "revocare immediatamente tutte le autorizzazioni concesse al proprietario dell'agriturismo, relativamente a feste da ballo che in ogni caso nulla hanno a che fare con l'attività di un agriturismo". Sulla stessa lunghezza d'onda c'è anche Fabio Pileri (Gruppo Misto), il quale giudica "aberrante la scelta di fare festa mentre una città intera stava vivendo un lutto così grande. Il sindaco deve revocare le autorizzazioni per il ballo a questo agriturismo". Per Sergio Bruschini (Pdl) "è tutta questione di sensibilità che questi signori hanno dimostrato di non avere". Marco Mercuri (presidente del Consiglio Comunale di Narni), afferma che "è grave che in casi del genere non si abbia la sensibilità di anteporre il rispetto per la morte ai propri interessi personali". Ilaria Ubaldi (Pdl) è sconcertata: "è stata offesa la memoria di questi poveri ragazzi e delle loro famiglie, e tutto per incassare un pò di soldi e non rinunciare ad una notte di baldoria". Alfonso Morelli (Sinistra Ecologia e Libertà) ritiene "offensivo nei confronti di chi non c'è più ma di tutti i narnesi in generale il comportamento degli organizzatori" ed invita la gente "a disertare quei luoghi dove non si ha rispetto nemmeno della morte di tre giovanissimi".

(Foto di repertorio, che mostra una festa generica all'aperto)
23/8/2010 ore 14:19
Torna su