Giovedì 13/12/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: ingorghi in via Garibaldi, il comune lascia il doppio senso di marcia anche con dei lavori in corso
Sarebbe uno degli angoli più belli di Narni, se non fosse 'deturpato' dalla presenza costante di automobili che vanno e vengono. Parliamo di via Garibaldi, da anni una sorta di "croce" cittadina per ciò che concerne la viabilità. In questo periodo la situazione del traffico lungo via Garibaldi è adddirittura peggiorata. Lungo la via, infatti, è stato allestito un importante cantiere necessario ad effettuare dei lavori sul tetto del palazzo che ospita vari uffici comunali. Una parte della via è, dunque, occupata dalle impalcature e dai mezzi necessari ad effettuare i lavori. Ebbene in Comune non hanno ritenuto, nemmeno in questa delicata occasione, di rendere via Garibaldi a senso unico in direzione di piazza dei Priori. Ecco, allora, che chiunque può continuare a scendere verso il Duomo, sebbene la carreggiata, già stretta di suo, si sia ulteriormente ridotta. In alcuni momenti della giornata, vedi negli orari di entrata ed uscita dalle scuole, il caos lungo via Garibaldi è totale e gli ingorghi non si contano. Un paio di giorni fa, verso le 13,20, abbiamo documentato uno di questi ingorghi, con una lunga fila di auto che provenivano da via Saffi e piazza dei Priori ed altre che procedevano in direzione opposta. Beninteso: gli automobilisti che procedono in direzione di piazza Garibaldi, dovrebbero rispettare il segnale di senso unico alternato che li obbliga a dare la precedenza a chi sale verso piazza Priora. Ma in pochi sembrano preoccuparsi del segnale. In questo modo l'ingorgo è assicurato. Il tutto a pochi centimeti dalle persone che siedono nei tavoli dei locali che si affacciano lungo la via e dai pedoni e da quelli che, camminando a piedi, sono costrette a fare lo slalom tra le auto incolonnate. I cittadini vedono e protestano. In comune nessuno, evidentemente, si è accorto del problema.
3/10/2018 ore 3:25
Torna su