Giovedì 17/08/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:35
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il sindaco esprime soddisfazione per la vendita dello stabilimento ex Sgl Carbon
“Soddisfatto per il risultato raggiunto. E’ un primo passo importante verso il rilancio produttivo e occupazionale della fabbrica”. Lo dice in una nota il sindaco, Francesco De Rebotti, commentando la notizia della vendita di Sgl Carbon “frutto – sottolinea – della trattativa seria impostata dai liquidatori e del lavoro fatto in questi mesi da parte delle istituzioni”. De Rebotti esprime soddisfazione anche per i tempi con i quali si è chiusa la vendita. “Avevo chiesto, ed auspicato – spiega infatti –, tempi rapidi per la trattativa, in modo da salvaguardare anche le scadenze previste per gli ammortizzatori sociali di cui ancora godono numerosi lavoratori e che termineranno presto. Quello dell’occupazione è infatti un tema particolarmente importante e il rilancio che si intravede ora concretamente all’orizzonte per la fabbrica potrà essere rilevante anche sotto questo profilo”. Il sindaco, sempre nella nota, sottolinea anche un altro aspetto. “Quello – dice – della continuità produttiva. Avevamo sempre sostenuto che la Carbon e le sue produzioni fossero ancora appetibili e che c’erano spazi di mercato. Lo avevamo fatto anche quando da più parti si parlava di inevitabile fallimento di ogni trattativa perché la fabbrica era ormai decotta. Non è stato così, avevamo ragione e la felice conclusione dell’accordo fra vecchia e nuova proprietà è oggi la conferma che questo settore ancora funziona e che lo stabilimento di Narni, i suoi impianti, la sua collocazione, il suo know how e le sue professionalità sono un asset importante a livello internazionale. Insieme alla Regione e ai sindacati – conclude il sindaco – chiederemo ora un incontro alla nuova proprietà per conoscerla e capire le prospettive e le proposte future, verificando anche la loro compatibilità con le esigenze del territorio, sia dal punto di vista economico ed occupazionale che da quello ambientale”.
28/7/2017 ore 13:45
Torna su