Martedì 23/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:39
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il Comune è pronto ad assumere due nuovi vigili urbani, il primo (una donna) dovrebbe entrare in servizio a partire dai primi giorni di agosto
Il Comune di Narni assume due nuovi vigili urbani. E per il corpo di Polizia Municipale, che da anni lamenta grossi problemi di organico, arriva una boccata di ossigeno importante che consentirà al comandante, il capitano Remigio Longhi, di poter disporre di un numero di agenti meno risicato. La prima assunzione, stando a quanto trapelato dall'ufficio del personale del Comune, dovrebbe scattare il primo agosto, anche se sembra che qualche problema di carattere burocratico potrebbe rinviare di qualche altro giorno l'entrata in organico del nuovo assunto. Che poi è una giovane donna di Narni che ha vinto il concorso che le permetterà di entrare a far parte del corpo di polizia municipale. Entro la fine dell'anno arriverà anche il secondo vigile e questo permetterà al corpo di passare dagli attuali 12 elementi a 14, un numero ancora insufficiente per una città di 20.000 abitanti ma che basterà, comunque, a far tirare un sospiro di sollievo al comandante Longhi, il quale in passato aveva spesso lanciato appelli affinché si provvedesse a rimpinguare l'organico. La mancanza di uomini è un problema che non riguarda solo i vigili urbani di Narni – spiega Longhi – ma è frequente in molte città italiane, anche se questa costante non basta a consolarci. Nel nostro caso ci vorrebbero almeno venti uomini per garantire una copertura pressoché totale ed omogenea dei servizi, mentre siamo costretti a fare miracoli con 12 unità. L'arrivo dei nuovi vigili ci permetterà di affrontare con meno affanni la situazione e di coprire meglio alcuni servizi che allo stato attuale non siamo nella possibilità di poter garantire proprio per la mancanza di personale". I cittadini, da parte loro, non vogliono però sentire ragioni e reclamano quotidianamente la presenza dei vigili nelle vie della città, per controllare il traffico ed i parcheggi e nelle strade della periferia per tenere sotto controllo la velocità di automobilisti incoscienti. "Vorremmo dare una risposta a tutti – spiega il comandante Longhi – ma se ci mettessimo tutti i giorni a fare anche i controlli dei divieti di sosta nelle vie più nascoste del centro storico non potremmo occuparci dei tanti altri servizi urgenti che attengono alle nostre mansioni quotidiane".
24/7/2007 ore 5:33
Torna su