Martedì 12/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:35
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il 14 ottobre parte la nuova stagione di prosa, abbonamenti al via dal 30 settembre
Da mercoledì 30 settembre prende il via la campagna abbonamenti per la Stagione di Prosa 2015/2016 del Teatro Comunale Manini di Narni. Grande attesa per l’apertura di mercoledì 14 ottobre, con il gradito ritorno a Narni di Umberto Orsini. L’attore, particolarmente affezionato alla città, ha voluto per la terza volta allestire e debuttare al teatro Manini con il suo nuovo spettacolo, Il Prezzo di Arthur Miller. In scena un cast di grandi professionisti, Massimo Popolizio, che cura anche la regia, Alvia Reale e Elia Shilton. Un'opera molto importante perché riprende argomenti cari a Miller e ad altri autori americani della seconda metà del novecento che hanno focalizzato sul tema della famiglia e del disagio economico il loro interesse più appassionato.
Mercoledì 28 ottobre riparte da Narni la tournée della divertente commedia di Oscar Wilde, Un Marito Ideale protagonisti Roberto Valerio e Valentina Sperlì. Per combattere il perbenismo e l'ipocrisia della sua epoca, l'autore, sul canovaccio stereotipato della commedia vittoriana, innesta il suo formidabile gusto per la battuta caustica, l'aforisma fulminante, il dialogo frizzante, il nonsense, il paradosso, il virtuosismo verbale, gettando via in un soffio tutto il vecchiume e la polverosa ipocrisia di un'epoca. Uno spettacolo che nella scorsa stagione ha appassionato le platee dei maggiori teatri italiani.
Domenica 22 novembre, alle 17, Giuliana Musso presenta uno dei suoi spettacoli di maggior successo che ha ottenuto Il Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro, Nati in casa. E’ la storia di una levatrice in un paese di provincia del nord-est italiano ancora rurale. Attraverso la memoria, la straordinaria artista effettua con emozione e divertimento, un’analisi della maternità di oggigiorno: modi, tempi, luoghi, figure professionali e protagonisti reali.
Domenica 6 dicembre, alle 17, fuori abbonamento, uno spettacolo dedicato ai più piccoli, Neverland, L’isola che non c’è da James Mattew Barrie, un viaggio a ritroso nei ricordi, nelle avventure e nei personaggi di una delle “storie per bimbi e ragazzi” più note al mondo, Peter Pan.
La Stagione prosegue domenica 10 gennaio, alle 17, con un altro celebre testo di Oscar Wilde, L’importanza di essere earnest. Antonio Latella, uno degli artisti più innovativi e stimati del mondo teatrale, dirige con mano felice la compagnia di giovani del Teatro Stabile dell’Umbria, realizzando uno spettacolo di grande impatto visivo, molto apprezzato dal pubblico.
Mercoledì 3 febbraio, torna, a grande richiesta, sul palcoscenico del Manini Ascanio Celestini. Un’altra produzione targata Teatro Stabile dell’Umbria, dal titolo Laika. L’apprezzato interprete del teatro di narrazione, porta in scena, in maniera grottesca e ironica, un Gesù improbabile che dice di essere stato mandato molte volte nel mondo e che si confronta coi propri dubbi e le proprie paure. Con lui c’è Pietro che passa gran parte del tempo fuori di casa ad operare concretamente nel mondo. Questa volta Cristo non si è incarnato per redimere l’umanità, ma solo per osservarla.
Domenica 28 febbraio i giovani del Teatro Stabile dell’Umbria sono diretti da Danilo Nigrelli per la messinscena di uno dei capolavori del teatro comico di tutti i tempi, A Scatola Chiusa di Georges Feydeau. Nello spettacolo, che ha ottenuto un grande successo nelle repliche precedenti, Monsieur Pacarel vuole dare lustro alla famiglia facendo rappresentare al famoso Teatro dell’Opéra di Parigi un “Faust” composto dalla figlia Giulia, sedicente scrittrice. La vicenda darà luogo a una serie di incredibili e divertentissimi equivoci. Finale di stagione da non mancare, sabato 19 marzo, con lo spettacolo di danza Vivaldi&friends della compagnia Egri Bianco Danza che si è distinta sia in Italia che all’estero per le creazioni del giovane coreografo Raphael Bianco, ottenendo consensi, sia dal pubblico che dalla critica, per lo stile che caratterizza le coreografie d’espressione contemporanea, su solida base classica. Per informazioni sugli abbonamenti 0744.726362.
27/9/2015 ore 3:53
Torna su