Giovedì 19/10/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: i consiglieri di maggioranza rispondono all'opposizione ed attaccano i Cinque Stelle
La maggioranza narnese si difende. E non ci sta ad accettare il termine "dittatura" che gli era stato affibbiato dai capigruppo dell'opposizione. In un comunicato, firmato dai consiglieri di Pd, Psi e Lista De Rebotti, i rappresentanti della maggioranza spiegano le loro ragioni. "Essere definiti da un giovane consigliere con i termini 'yes man' riferiti ai componenti della maggioranza del consiglio comunale - scrivono i consiglieri di maggioranza -, rappresenta un volgarotto e un pò triste tentativo di far apparire chi, crediamo come lui, prova a dare un contributo positivo alla vita della propria comunità. Prova a farlo dopo che i cittadini hanno distribuito la loro fiducia ad un sindaco, ad una coalizione ed a noi umili rappresentanti degli stessi, perché risultati i più votati, decidendo a chi spettasse il compito di governare attuando un proprio programma e a chi spettasse fare la minoranza. Noi ci siamo presentati insieme fin dall’inizio, abbiamo condiviso un percorso e abbiamo preferito la chiarezza di quest’impostazione a quella di chi faceva finta di litigare e dividersi per poi ammucchiarsi in un appuntamento che non c’è stato, quello del ballottaggio. Non è un caso che le differenze si sono immediatamente annullate e anche chi, come il giovane pentastellato, poteva portare un contributo di obiettività ed autonomia si è ormai perso a rimorchio dei più navigati esponenti del centro destra, in forma ufficiale e pseudo civica, comportandosi come fossero una cosa sola. E pensare che - continuano i rappresentanti di Pd, psi e Lista De Rebotti -, parlando delle Commissioni Consiliari, proprio per far spazio all’onniscienza dello stesso e di un altro esponente di un gruppo delle opposizioni, grazie anche alla disponibilità al confronto costruttivo dei Capigruppo e del Presidente del Consiglio, questo Consiglio Comunale ha adottato rapidamente la modifica del regolamento delle commissioni per permettergli di essere membri effettivi delle stesse. Così come abbiamo contribuito all’elezione del presidente della commissione garanzia e controllo che, oltre ad essere prevista dal Tuel, trae il modello organizzativo e dei lavori dal regolamento comunale (si perché esiste ancora un concetto di 'autonomia' degli enti locali che sembra non chiaro ai nostri interlocutori). Abbiamo semplicemente, normalmente, democraticamente espresso una nostra posizione su quello che, secondo noi, dovrebbe rappresentare il rispetto di tale regolamento, suffragato per di più da un parere della Segreteria Comunale. Su questo non c’è stata concessa possibilità di confronto, di discussione, cosa senz’altro che sarebbe stata utile anche ed eventualmente per aggiornare tale regolamento se non più rispondente ai bisogni, le necessità e le impostazioni date dal nuovo Consiglio Comunale. Su questo siamo a completa disposizione perché, come dimostrato, interessa anche a noi adottare i migliori modelli di partecipazione orgogliosi di diventare in questo caso degli 'yes man' caro giovane consigliere perché, per dirla con le parole di Massimo Troisi, 'noi siamo responsabili di quello che diciamo, non di quello che capisci'".
4/10/2017 ore 3:05
Torna su