Sabato 08/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: gli orologi pubblici funzionano male creando confusione tra i cittadini, il Comune promette di ripararli
Gli orologi delle torri campanarie narnesi accendono la polemica. E’ una storia vecchia quella degli orologi pubblici a Narni, in tutto sono tre: quello di piazza Garibaldi, quello di piazza dei Priori e l’altro che si trova sulla torretta del palazzo che ospita il “Beata Lucia” in piazza Marzio. Quest’ultimo è quello più moderno, la sua realizzazione risale al secolo scorso, mentre gli altri sono stati costruiti verso la metà del 1800. Si tratta di macchine piuttosto complesse i cui congegni funzionano ancora con il sistema originario che si basa sul movimento sincronizzato di grossi pesi che muovendosi attraverso lo scorrimento di lunghe funi d’acciaio consentono l’attivazione dei vari ingranaggi. Ed è proprio per la complessità dei movimenti che deve compiere l’intero apparato che nel corso dei decenni è capitato spesso che gli orologi siano rimasti fermi per lunghissimo tempo. Anni fa il Comune mise mano al portafoglio e ripristinò gli orologi delle due piazze, per parecchio tempo tutto funzionò a meraviglia tanto che i rintocchi delle due torri quasi combaciavano e per i narnesi era un piacere ogni quarto d’ora poter constatare che gli orologi di piazza spaccavano il minuto. Ma la cuccagna è durata poco, gli orologi hanno ripreso a fare le bizze e persino a fermarsi del tutto come è successo a quello di piazza Garibaldi che segna l’una meno cinque da ormai alcuni mesi. E quello di piazza dei Priori non è che vada molto meglio: “per qualche giorno i rintocchi segnano l’ora giusta – dice una signora che abita in via Ferrucci – poi comincia a perdere qualche minuto e si arriva anche ai quarti ed alle mezzore di sfasamaneto”. In Comune conoscono la vicenda e promettono interventi in tempi brevi: “Purtroppo stiamo parlando di macchinari che anno un secolo e mezzo – spiega l’ingegner Pietro Flori dirigente comunale – e dunque necessitano di un controllo e di una manutenzione costante. Noi abbiamo affidato questi controlli ad una ditta di Viterbo che fa quello che può. Pensare di stare li ogni minuto con degli addetti pronti a rimettere le lancette è un po’ complicato e poi costerebbe molti soldi. Per l’orologio di piazza Garibaldi che è fermo da tempo ci stiamo comunque adoperando affinché torni a funzionare”. L’unico orologio che pare funzionare alla meraviglia è quello di piazza Marzio. Da quando è stato rimesso a posto dagli amministratori del “Beata Lucia” l’impianto non ha perso una battuta. Anzi il suono delle campane che segnano ore e minuti è talmente forte che in passato c’è stato addirittura chi, abitando nei paraggi, si è lamentato per il fatto che i rintocchi troppo potenti davano fastidio alle proprie galline custodite nell’orto. Queste pare si fossero messe in sciopero smettendo di fare le uova a causa del troppo “stress” provocato, pare, dal suono prodotto dalle campane dell’orologio.
19/9/2005 ore 4:44
Torna su