Lunedì 23/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Giancarlo Marcotulli (Ds) lancia delle proposte per migliorare l'integrazione delle badanti straniere sul territorio
“Consentire attraverso interventi opportuni, un migliore inserimento sul nostro territorio delle badanti straniere”. A sostenere questa necessità è il consigliere dei Ds Giancarlo Marcotulli il quale ha puntato su questo aspetto parte del suo intervento fatto in occasione delle dichiarazioni di voto per l’approvazione del bilancio di previsione 2006. “”E’ necessario sviluppare progettualità nuove in grado di dare risposte ai bisogni emergenti della collettività – ha detto Marcotulli introducendo l’argomento -. Il piano sociale dovrà quindi rappresentare lo strumento di sintesi delle varie istanze. In questo senso voglio portare all’attenzione di tutti un’iniziativa che dovrebbe avere una valenza socio-assistenziale, oltre che culturale. Mi riferisco alle difficoltà di inserimento che hanno le numerose badanti che risiedono nel nostro comune. Uno dei loro maggiori problemi è quello riguardante l’uso corretto della nostra lingua, fatto questo che impedisce loro di comunicare efficacemente sia con le persone che assistono che con i loro famigliari. Sulla scorta dell’esperienza mostrata da parte dei servizi preposti alle cure domiciliari dell’Asl, sarebbe importante – suggerisce Marcotulli – attivare dei corsi rivolti alle badanti per migliorare la padronanza della lingua e per formare la conoscenza base di talune tecniche di assistenza sanitaria elementare per le quali non è previsto alcun intervento da parte del personale stesso dell’Asl. Ciò potrebbe portare ad una proficua integrazione tra assistenza domiciliare e pazienti, per il tramite delle badanti, consentendo di liberare risorse per i casi più complessi”. La proposta di Marcotulli non mancherà di stimolare interventi da parte dell’amministrazione. Il numero delle badanti straniere, la maggior parte provenienti dai paesi dell’est europeo, residenti nel territorio comunale è considerevole e dunque una loro integrazione con la realtà locale appare quanto mai opportuno.
11/4/2006 ore 5:40
Torna su