Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:43
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Forza Italia respinge le accuse dei repubblicani. Favilli: "Fiordi sbaglia a muovere certe accuse"
Forza Italia non ci sta a prendersi i “rimbrotti” da parte dei repubblicani. La polemica, che era partita dalle dichiarazioni che Piero Fiordi (Pri) aveva fatto all’indirizzo del consigliere comunale Sergio Bruschini e quello provinciale Torquato Petrineschi, entrambi di F.I., in merito alla collaborazione che i due gli avevano garantito alla vigilia della presentazione delle liste elettorali si arricchisce di nuovi capitoli. Fiordi si era risentito perché a suo dire i due consiglieri, che si erano impegnati a raccogliere le firme tra i cittadini necessarie a consentire allo stesso Fiordi di potersi candidare, non gli avevano riconsegnato una delle due liste che sarebbe andata smarrita. Da qui le dichiarazioni al vetriolo di Fiordi: “Bruschini e Petrineschi sono inaffidabili e la gente deve saperlo”, aveva scritto in un comunicato; ed ancora “In questo modo si è voluto fare un sgambetto ai repubblicani!”. La risposta di Bruschini non si era fatta attendere: “Fiordi va in cerca di scoop per portare a casa un po’ di voti”. Sulla vicenda è intervenuto ora anche Adiberto Favilli (F.I.). “Sulle dichiarazioni del consigliere Fiordi nei confronti di Bruschini, non posso tacere il mio disappunto per l’asprezza dei toni e per il senso di risentimento espresso. Il comportamento di Bruschini è stato a mio avviso lineare e rispettoso degli impegni presi, comunque non dovuti, io stesso ero presente alla raccolta delle firme per il partito repubblicano, come ho avuto modo di riferire al collega Fiordi. Se poi per un disguido di cui non sono a conoscenza il foglio della raccolta non è tornato in possesso di chi aveva richiesto il favore, ciò non può giustificare queste prese di posizione, soprattutto da chi è stato eletto e fa parte di una coalizione, che pur esigua riesce a tener testa, con il contributo di tutti i componenti, ad un maggioranza, essa si numerosa, ma certo non altrettanto efficiente”.
18/5/2004 ore 17:45
Torna su