Sabato 16/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:37
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Forza Italia critica la "lentezza" con la quale si muove la macchina comunale
La macchina comunale è troppo lenta ed a rimetterci sono i cittadini e le imprese che per ottenere autorizzazioni o semplici risposte debbono talvolta aspettare dei mesi. Ad affibbiare al Comune di Narni l'appellativo di "lumaca" è Sergio Bruschini, capogruppo di FI-Pdl. "Siamo in piena crisi internazionale ed il nostro Comune – spiega l'esponente azzurro -, anziché facilitare cittadini ed imprese, snellendo al massimo gli iter relativi al rilascio di certificati o autorizzazioni, preferisce prendersela comoda, rimandando a domani quello che si dovrebbe invece fare oggi". "In giro c'è poco lavoro per tutti – continua Bruschini -, le imprese registrano un forte calo di commesse ed ogni giorno sono costrette a fare ricorso alla cassa integrazione o, nei casi peggiori, a licenziare i propri dipendenti. Non dico che la colpa sia delle amministrazioni locali, ma certo è che rendere la macchina pubblica il più efficiente possibile, non può che portare benefici dal punto di vista della razionalizzazione dei tempi di attesa che si traduce poi per le aziende in risparmio di tempo e di denaro. Le pratiche inevase o comunque sospese per questioni burocratiche, sono numerose e questo accumulo determina inevitabilmente dei blocchi e la impossibilità di operare e di poter avviare dei nuovi lavori. Per azzerare i tempi di attesa delle imprese – suggerisce Bruschini – propongo di organizzare delle sessioni ad orario continuato da parte degli uffici che rilasciano le autorizzazioni edilizie. Al tempo stesso il Comune deve impegnarsi per consentire in tempi rapidissimi lo smaltimento delle numerose pratiche che giacciono nei cassetti e che attendono di essere valutate dai funzionari che dovranno poi rilasciare le relative autorizzazioni".
22/1/2009 ore 5:13
Torna su