Martedė 14/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:02
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: falsi addetti Asit si presentano nelle case per chiedere "dati", Saleppico: "attenzione alle truffe"
Occhio alle truffe, porta a porta. Da alcuni giorni numerosi cittadini hanno segnalato la presenza di falsi addetti che, spacciandosi per incaricati dell'Asit, vanno in giro per le case, alla ricerca di "dati". Nello specifico questi signori stanno battendo a tappeto varie zone del territorio narnese, cercando di carpire informazioni dalla gente. Quale sia il loro scopo non č dato saperlo, ma di questi tempi č sempre meglio diffidare e quindi pensare al peggio. Vestiti bene, modi garbati, questi individui suonano ai campanelli delle case e appena qualcuno si affaccia alla finestra o, peggio ancora, gli apre iniziano la loro tiritera. A trarre in inganno le persone, oltre al modo sicuro ostentato da questi falsi addetti, č il fatto che gli stessi si presentano con tanto di tesserino "Asit" bene in vista sul petto. Questi signori interrogano i cittadini chiedendo informazioni sul numero di persone che vivono nell'appartamento, chi abita nelle case vicine e molto altro. Dicono che stanno facendo dei controlli statistici per conto dell'Asit, in riferimento alla raccolta differenziata dei rifiuti, le varie modalitā che la regolano, i giorni del ritiro e via dicendo. Ma č tutto un bluff, perchč la municipalizzata narnese non ha mai incaricato nessuno di andare in giro per le case a "intervistare" i cittadini. "Non č certo questo il sistema che simo soliti usare - dichiara il presidente dell'Asit Sergio Saleppico -, per comunicare con i cittadini. Qui c'č puzza di imbroglio, probabilmente anche di triffa. Per questa ragione ho giā provveduto ad informare di quanto sta accadendo i carabinieri della stazione di Narni". Il presidente Sallepico approfitta dell'occasione per mettere in guardia i cittadini. "Chiediamo la collaborazione di tutti - afferma -, quindi se qualcuno si presenta a nome nostro nelle case, sappiate che non siamo noi, quindi avvertiteci o chiamate le forze dell'ordine, senza pensarci un attimo".
26/3/2013 ore 1:33
Torna su