Martedì 23/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Consiglio Comunale subito in salita, la maggioranza lamenta ben 5 assenze e salta il numero legale. Feroci critiche dall'opposizione
E' cominciata nel modo peggiore l'attività del nuovo Consiglio Comunale di Narni. La seduta di venerdi scorso (20 luglio), convocata per le 18, è iniziata con quasi un'ora di ritardo e questo ha scatenato le ire dei consiglieri di minoranza che hanno attaccato duramente il Presidente Marco Mercuri. I toni si sono abbassati nella parte iniziale perché in sala erano stati fatti entrare gli 11 bambini dello Saharawi che in questo periodo sono ospiti del "Beata Lucia" e del Comune. Per loro parole di solidarietà da parte di tutti e tanti applausi, ricambiati dai piccoli bimbi africani con dei commoventi sorrisi. L'atmosfera del consiglio si è però nuovamente surriscaldata con l'intervento di Sergio Bruschini (FI) il quale ha accusato il sindaco e la maggioranza di "aver cominciato in modo pessimo l'attività consigliare". La minoranza si è presentata compatta al primo appuntamento ufficiale del nuovo Consiglio, mentre sui banchi della maggioranza si sono contate ben cinque assenze: Massimo Fociani, Fabio Pileri e Danilo Novelli (Margherita) e Sergio Saleppico e Gabriella Tassi (Ds). "C'è aria di burrasca all'interno della maggioranza – ha detto Bruschini – altrimenti non si spiega questa assenza massiccia di consiglieri". Bigaroni ha illustrato le linee programmatiche della nuova Giunta, ma quando si è trattato di votare i consiglieri della minoranza sono usciti tutti dall'aula facendo venire meno il numero legale, così Mercuri è stato costretto a dichiarare chiusi i lavori. "E' una vergogna presentarsi così alla città – ha tuonato Vincenzo Leonardi, portavoce della lista 'Uniti per Narni' -. Dopo settimane di rinvii si convoca il consiglio e subito manca il numero legale. Se questa maggioranza pensa di governare sulle nostre spalle ha sbagliato di grosso".



23/7/2007 ore 14:15
Torna su