Domenica 24/09/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:49
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: centro storico in balia delle macchine, tutti entrano, nessuno controlla
Entrano tutti. Sia gli autorizzati, ovvero gli automobilisti residenti che sono muniti di permesso, sia quelli che, al contrario, non abitano nel centro storico. D'altronde al momento attuale non esiste alcun divieto per i non residenti di varcare l'arco del Duomo e dunque tutti ne approfittano. A scapito del disordine che spesso viene a crearsi lungo le vie, vicoli e piazze del centro storico. Si parla da anni di varchi elettronici e probabilmente, entro la fine dell'anno il comune riuscirà a far montare le famose telecamere che porranno fine (si spera) a quello che in determinate giornate appare come un vero e proprio scempio, perpetrato ai danni di un centro storico bello come il nostro. La foto che pubblichiamo si riferisce alla situazione che si registrava ieri in piazza Galeotto Marzio. L'università è ripartita e quindi quella piazza è tornata ad essere presa d'assalto da chiunque. Studenti in possesso di automobili, parenti o amici di questi, arrivati da mezza Italia per venirli a trovare, cittadini residenti ed altri automobilisti che, per una ragione o per un'altra, hanno una ragione per venire a Narni. Si parla da tanti anni del parcheggio del Suffragio che, in giornate "normali" sarebbe più che sufficiente a contenere centinaia di automobili, ma quell'area viene ignorata da tanti (troppi) e quindi ognuno si sente autorizzato a tirare dritto e ad entrare con la propria vettura dentro Narni. Perchè arrivare fin davanti il portone dell'università è meglio che fare il tragitto dal Suffragio a piazza Cajola. Risultato: i parcheggi esistenti si riempiono fino a scoppiare e molto spesso sono occupati da persone che non ne avrebbero diritto. In alcuni di questi spazi sono autorizzati a parcheggiare solo i residenti, con l'eccezione rappresentata da tutti gli altri, ai quali è concessa la possibilità di sostare un'ora, previo l'esposizione del disco orario. Il paradosso è rappresentato dal fatto che l'automobilista residente spesso arriva, trova tutti i posti occupati, decide di lasciare la macchina fuori posto, rischiando la multa, mentre lì accanto ci sono auto che appartengono a non residenti, che vengono parcheggiate per ore intere senza disco orario. Insomma, sarebbe opportuno che i controlli su chi entra nel centro storico fossero più stringenti, a cominciare da quegli automobilisti (non residenti) che scendendo su via Marcellina avrebbero l'obbligo di svoltare a sinistra per uscire dal centro storico ed invece, girano a destra e se ne tornano in centro per via Gattamelata. I varchi risolveranno in modo definitivo queste cattive abitudini? Speriamo proprio di si.
13/9/2017 ore 2:33
Torna su