Domenica 17/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, Cecilia Cari (TpN): "centrosinistra bravo a fare promesse elettorali, meno a mantenerle"
Opere promesse ma mai realizzate. Altre che sarebbero urgenti che ma che non rientrano nei piani dell’amministrazione. E’ Cecilia Cari di Tutti per Narni a fare la lista degli interventi urgenti che sarebbe necessario fare e che il comune non fa. “In campagna elettorale il centrosinistra si è riempito la bocca con termini quali ‘condivisione’ e ‘partecipazione’ – afferma Cari -, poi di condiviso e partecipato in questi cinque anni non s’è visto un bel niente. Delle promesse e dei tanti programmi presentati in campagna elettorale si sono da tempo perse le tracce. E dire che di problemi nella nostra città ce ne sono da risolvere. Sono tante le cose da fare e sulle quali i cittadini chiedono da tempo agli amministratori di trovare delle soluzioni. L’elenco – spiega Cari -, è lungo: partiamo dalla segnaletica stradale che andrebbe rifatta su gran parte delle strade del territorio. Se non si hanno i soldi necessari per intervenire, che si ridipingano almeno le strisce degli attraversamenti pedonali, tanto per garantire un minimo di sicurezza ai pedoni. Ci sono, poi, tanti cartelli stradali vecchissimi che andrebbero rimossi e sostituiti, mentre in alcune strade sarebbe necessario installare dei dossi di rallentamento e di segnali che indichino in modo chiaro i limiti di velocità. A Narni Scalo manca il marciapiede nel tratto prospiciente alla farmacia Alberti, mentre ritengo sia importante pensare ad un potenziamento dell'illuminazione in alcune vie e nel parcheggio antistante le scuole. Magari, per adeguarci ai più moderni ed efficaci sistemi, sarebbe il caso di pensare di sostituire, in tutto il territorio, le vecchie lampade con quelle a ‘led’, che oltre a garantire una maggiore luminosità consentirebbero anche di risparmiare sui consumi”. Cecilia Cari sposta, poi, la sua attenzione sui temi ambientali. “Andrebbero intensificate le centraline di rilevamento delle polveri sottili, in modo tale da avere costantemente sotto controllo la situazione dell’aria che respiriamo”. Poi sui trasporti. “In alcune fermate dei mezzi pubblici mancano le pensiline, in altri esse sono vecchie e vanno sostituite”. “La nostra lista civica Tutti per Narni – conclude Cari -, nasce dalla volontà di molte persone che vogliono una cittadina decorosa, che merita di essere annoverata tra i borghi più belli dell'Umbria. Ma occorre fare un salto, un cambiamento radicale ed innovativo della nostra città che ‘dorme’ da troppo tempo. La politica deve essere al servizio dei cittadini e non viceversa. Mi auguro che il 2017 portio un bel regalo alla città, una speranza nuova soprattutto alle nuove generazioni”.
29/12/2016 ore 4:12
Torna su