Venerdì 15/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: è sempre più caos tra le forze politiche, a sinistra aumentano le tensioni mentre a destra spunta una candidatura alternativa a quelle note
Un ginepraio. Dentro al quale muoversi non è cosa facile. Nemmeno per i politici più esperti. Da destra a sinistra, e viceversa, la situazione politica narnese è tutta confusa. Ad oggi non c'è niente di marcato, di definito in modo sicuro: tutto è provvisorio, e chiunque si sente autorizzato a fare dichiarazioni o a smentire quelle fatte da altri. E intanto il tempo trascorre inesorabilmente, rosicchiando giorno dopo giorno spazi importanti a quelle azioni che in questa fase ogni coalizione dovrebbe porre in essere per curare la propria campagna elettorale. A sinistra le cose vanno malissimo. Due sere fa c'è stato l'ennesimo faccia a faccia in casa dei Ds e pare che la riunione non sia stata tanto tranquilla. Qualcuno avrebbe anche alzato la voce nel tentativo di far capire agli altri che la situazione che è venuta a crearsi con Prci e PdCi potrebbe mandare gambe all'aria tutto il progetto legato alla ricandidatura di Bigaroni. Ieri sera si sono visti i segretari provinciali e quelli comunali dei tre partiti, si vedrà se questo ennesimo confronto avrà portato a qualcosa, oppure no. Al centro tutto tace. La lista che starebbero allestendo vari personaggi legati da sempre all'ala centrista non è ancora stata ufficializzata. Nel frattempo si parla di un possibile coinvolgimento di un personaggio, dirigente di una importante società a carattere nazionale, che potrebbe essere messo a capo della lista, al posto di quel Carlo Capotosti la cui candidatura sembra negli ultimi giorni aver perso consistenza. In casa della Cdl si registra una notevole confusione: Forza Italia ribadisce il proprio "diritto" a pretendere che la candidatura spetti ad un suo esponente, ma questo discorso non piace ad Alleanza Nazionale. Ed ora c'è chi afferma addirittura che tra Sergio Bruschini (FI) e Maria Lanari (An), i due personaggi indicati da sempre quali possibili candidati, possa uscire fuori a sorpresa un terzo elemento che sarebbe già stato individuato e che metterebbe d'accordo tutti. Ma sarà vero?
8/2/2007 ore 5:41
Torna su