Mercoledì 24/05/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:01
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
L'azienda narnese "Krea" del Gruppo Giovannini impegnata nelle opere di ricostruzione di Accumoli (RI)
E’ narnese una delle aziende che stanno effettuando i lavori di ricostruzione post-sisma di Accumoli (RI). Si tratta di Krea Costruzioni, la cui sede sociale è a Narni Scalo. L’attività di Krea è caratterizzata dalla consolidata presenza nel settore delle realizzazioni di opere pubbliche e private. Krea Costruzioni ha aperto i suoi cantieri, a poche centinaia di metri dal centro storico di Accumuli, devastato dal terremoto del 24 agosto 2016 e dai successivi eventi sismici. Da alcuni giorni circa 20 dipendenti di Krea Costruzioni sono al lavoro sulla grande collina situata in prossimità del cimitero di Accumuli, anch’esso fortemente lesionato dalle scosse. In questa area dovrà sorgere a breve il “nuovo” paese di Accumoli, in quelli che saranno due nuclei urbani, al cui interno verranno installati circa 70 moduli abitativi. Il lavoro di Krea è importante e delicato, in quanto l’azienda narnese dovrà, nel giro di poco tempo, effettuare tutte le opere di urbanizzazione primaria e quelle riguardanti la fondazione, per le soluzioni abitative di emergenza (S.A.E.) nell’area denominata “Accumoli – Capoluogo”. I lavori, commissionati dalla Regione Lazio e che si stanno sviluppando su di un’area la cui superficie è di circa 4 ettari, dovranno essere ultimati entro il prossimo mese di giugno.
Ad Accumoli, come detto, sono presenti circa 20 dipendenti. A coordinare i lavori ci sono il Direttore Tecnico di Krea Costruzioni, Agostino Giovannini ed il Direttore di cantiere, Antonio Servi. Alessandro Matticari è l’Assistente Tecnico. Il personale per le proprie attività lavorative, di ristoro e di alloggio, dispone di 4 Box Ufficio, 2 Mense, 2 Spogliatoi, 1 Sala Riunione e 8 Dormitori. Strutture che sono in grado di ospitare circa 32 persone. Imponente anche il parco mezzi che sta operando nel cantiere di Accumoli. Krea Costruzioni è presente, infatti, con 6 escavatori cingolati di grosse dimensioni, 2 miniescavatori, 2 minipale gommate, 12 autocarri “4 assi”, 2 terne gommate, 2 rulli gomma/ferro. Ci sembra giusto sottolineare il grande impegno del personale di Krea che sta mostrando una forte sensibilità rispetto ai luoghi dove esso sta operando. Luoghi dove i segni della tragedia che ha colpito queste terre, sono visibili in ogni angolo. Gli uomini di Krea che stanno preparando i terreni dove sorgerà “Accumoli-Capoluogo”, sono consapevoli che la loro opera contribuirà a ridare un po’ di serenità a diverse centinaia di abitanti del posto che da quel 24 agosto sono stati costretti a lasciare il loro Paese ed a vivere negli alberghi della costa marchigiana, e questo li fa sentire orgogliosi.
Due mattine fa il Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, ha fatto visita al cantiere di Accumoli. Il Presidente, accompagnato dall’assessore ai Lavori Pubblici, dal sindaco del paese e da altri dirigenti del D.P.C. (Dipartimento di Protezione Civile) e della Protezione Civile Nazionale, ha incontrato i responsabili del cantiere e con loro si è intrattenuto, ponendo domande sull’avanzamento dei lavori e su come si sta operando. Strette di mano e parole di incoraggiamento da parte di Zingaretti che prima di accomiatarsi ha stretto la mano ad Agostino Giovannini. Sono previsti da parte di Krea Costruzioni altri interventi nelle zone terremotate di Umbria, Lazio, Marche ed Abruzzo. L’azienda, proprio per dare maggiore impulso alle attività, stare più vicino alle popolazioni colpite dal sisma e per poter seguire meglio i lavori, ha posizionato un proprio ufficio a Norcia ed uno nelle Marche, in provincia di Ascoli Piceno. Il gruppo Giovannini Costruzioni, del quale Krea fa parte, ha già lavorato in passato con lavori che hanno riguardato opere di ricostruzione del post-terremoto. Tra questi ricordiamo la ricostruzione di edifici pubblici, privati ed edifici sottoposti a tutela per il terremoto 1997 che colpì l’Umbria e le Marche. In quella occasione l’azienda si occupò anche di interventi di urbanizzazione (Pir). Nel 2009 (terremoto a L’Aquila), si è occupata della ricostruzione di edifici pubblici, privati e di edifici sottoposti a tutela.
24/2/2017 ore 4:30
Torna su