Mercoledì 17/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
L'associazione "Narni in Centro" si sveglia dal "letargo", rinnova i suoi quadri e chiede all'assessore Di Mattia sostegni per rilanciare il settore
(C.A.) L’amministrazione narnese ha incontrato i commercianti della città per intavolare una serie di iniziative e provvedimenti per il rilancio del commercio cittadino. L’occasione è stata l’assemblea generale degli iscritti di "Narni in Centro", l’associazione cui fanno capo molti commercianti e imprenditori del centro storico. L’associazione stava passando un momento di stanca, che ha reso necessaria la convocazione di un’assemblea, per rinnovare lo statuto e i vertici dell’organizzazione. Una delegazione della Giunta Bigaroni, con a capo Gianni Di Mattia, l’assessore di competenza in materia, ha illustrato ai commercianti, le politiche che intende portare avanti per rilanciare il centro storico, dal punto di vista turistico e commerciale. L’amministrazione, a detta dei commercianti, ha dimostrato una notevole disponibilità verso le tematiche esposte nell’assemblea. Le due parti si sono trovate d’accordo su tutta la linea, anche perché l’amministrazione sta cercando con tutte le sue forze di dare una spinta decisiva alla rivitalizzazione del centro storico. Il servizio navetta, il trasferimento dei servizi all’interno delle mura cittadine e il lancio del polo universitario narnese, sono frutto della politica di rilancio che l’amministrazione Bigaroni porta avanti da tempo. I commercianti chiedono di seguire questa linea con una serie di ulteriori provvedimenti. “Narni in Centro” sta insistendo da tempo, anche sull’apertura di un asilo nido nel centro storico. L’altro obiettivo è lo sviluppo di nuovi collegamenti tra gli agglomerati urbani più distanti dal centro storico, come Testaccio e Santa Lucia, per bloccare quell’emorragia di clienti, che con dieci minuti di macchina e quindi nel raggio di pochi chilometri, hanno a disposizione un’ampia scelta di centri commerciali. C'è poi la volontà di valorizzare l’asse Via Mazzini-Piazza Galeotto Marzio, che attualmente dispone solamente di tre o quattro esercizi commerciali. Non ci si può limitare a pensare Narni come una realtà commerciale ristretta tra le due piazze, Garibaldi e Priori. Via Mazzini, Via Saffi, ma anche Via XX Settembre, vanno ripensate nell’ottica di uno sviluppo totale del centro storico cittadino, sulla scia degli altri centri umbri che sfruttano ogni minimo sgabuzzino per aprire attività commerciali o artigianali. La collaborazione mostrata dalle due parti per cercare insieme una valida soluzione, è sicuramente un buon segnale per il futuro prossimo. La speranza è che non ci si limiti alle solite sterili dichiarazioni d’intenti e che "Narni in Centro" riparta con il piede giusto dopo le poco brillanti esperienze passate.
(Nella foto l'assessore Gianni Di Mattia)
17/11/2003 ore 2:10
Torna su