Giovedì 24/05/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
L'associazione Ennedinarni propone di attuare "politiche in grado di offrire un sistema di attenzioni e solidarietà più efficaci"
L'associazione Ennedinarni ha svolto negli ultimi tre anni un'attività di analisi, di ascolto e di discussione in relazione a varie questioni riguardanti lo sviluppo della comunità narnese. L'attività dell'associazione ha portato la stessa a fare delle considerazioni riguardanti più aspetti della vita sociale narnese. Tra le analisi fate c'è quella riguardante la situazione socio-economica del nostro territorio. "La lunga crisi economica e più in generale i processi di cambiamento che hanno investito le società occidentali - si legge in una nota di ffusa da Ennedinarni -, hanno determinato fenomeni molto complessi, non solo di impoverimento economico ma anche di grave lacerazione dei legami e delle trame sociali. Non disponiamo di dati organici riferiti alla comunità narnese, ma tuttavia alcuni segnali sono percepibili. Ad esempio - sottolineano dall'associzione -, desta preoccupazione l'aumento delle famiglie che richiedono un aiuto economico ai servizi comunali, così come desta preoccupazione l'esistenza, nelle fasce più giovani, di un certo numero di casi ricollegabili al fenomeno patologico e autolesionistico della "balena blu". Si tratta certamente di problematiche molto distanti fra loro ma che sembrano condividere un humus di fondo nella crisi di quel sentimento che ci fa sentire in qualche modo accolti, partecipi e attori di una comunità di destino. Se appare necessario conoscere, attraverso uno studio mirato, i profili, speso inediti, delle varie espressioni della marginalità e del malessere e le dimensioni che queste assumono nella nostra comunità - dicono ancora da Ennedinarni -, risulta altrettanto evidente come un efficace impegno di prevenzione e di intervento non possa prescindere dal coinvolgimento, culturale e operativo, di una vasta pluralità di soggetti. Dal sistema degli enti pubblici alla scuola, dalla galassia dell'associazionismo alle varie forme del volontariato. A tal fine pare necessario assumere una iniziativa che aggiornando le nostre conoscenze al riguardo diffonda nuove consapevolezze e proponga, in un quadro di obiettivi condivisi da perseguire ognuno per il proprio ambito e con i propri strumenti, politiche in grado di offrire un sistema di attenzioni e solidarietà più efficaci di fronte ai problemi di ciascuna esistenza".
8/5/2018 ore 3:53
Torna su