Giovedì 20/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:19
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La Narnese ritrova il carattere e la vittoria: 2 a 1 sul Cannara con un grande Schenardi che ha lottato come un leone
La Narnese esce dal tunnel. La squadra rossoblù torna alla vittoria dopo un lungo periodo e lo fa a spese di una diretta concorrente per la lotta ai play-off. Inutile dire che il successo odierno è stato salutato in casa narnese con particolare entusiasmo. I fatti accaduti nel corso della settimana che aveva preceduto questo incontro, avevano scosso tutto l’ambiente e se oggi non si fosse vinto non sarebbero di sicuro mancate le proteste dei tifosi e, forse, qualche reazione anche all’interno della squadra. I giocatori, invece, hanno dimostrato con il loro impegno ed il loro sacrificio di avere superato lo shock relativo all’allontanamento di tre loro compagni (Berardi, Filippi e Valentini) deciso dalla società, era stato detto dai dirigenti, per dare uno scossone alla squadra. La partita, tuttavia, non si era messa affatto bene. Infatti è stato il Cannara a passare in vantaggio al 20 a seguito di un infortunio di Bertarelli il quale, per colpa del terreno pesante, calibrava male il tocco su una palla favorendo l’inserimento di Volpi che non aveva difficoltà a fare secco Nanni. Due minuti dopo Piovanello veniva steso in area el’arbitro decretava il rigore. Batteva Schenardi ma Fasci, il portiere ospite, con un colpo di fortuna riusciva a respingere con i piedi. Mazzata tremenda per la Narnese che però reagiva con carattere ed al 30’ pareggiava con Brozzetti. Da quel momento in poi in campo si vedeva solo la Narnese. Al 47’ Schenardi batteva una punizione dalla tre quarti ed il pallone riusciva si infilava proprio sotto la traversa: 2 a 1. Gli attacchi dei rossoblù padroni di casa continuavano anche nella ripresa ed erano tante la palle-goal confezionate dai giocatori di Sini. Braccini e Biagetti facevano a gara nel mangiarsi dei goal e nel mettere a dura prova le doti di Fasci.
18/1/2004 ore 17:25
Torna su