Giovedì 15/11/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 20:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Incendio di Nera Montoro: il sindaco firma un'ordinanza con la quale vieta l'uso di prodotti ortofrutticoli provenienti da una zona circoscritta
Una decisione presa "a scopo precauzionale", che in qualche modo era prevedibile. L'ordinanza del sindaco De Rebotti è arrivata a poche ore di distanza dal momento in cui i vigili del fuoco hanno spento l'incendio di Nera Montoro. E siccome a bruciare sono stati alcuni quintali di gomma di pneumatici, il pericolo che nell'atmosfera possano essersi disperse delle sostanze inquinanti è più che legittimo. Da qui la decisione del primo cittadino di Narni di porre in atto gli strumenti con i quali viene vietato il consumo di una serie di prodotti raccolti in un'area che insiste in un raggio di due chilometri dal luogo dove è avvenuto l'incendio. De Rebotti riconosce che "la quantità di materiale andato a fuoco è stata contenuta grazie al pronto intervento dei vigili del fuoco e le attività di ripristino della normalità stanno proseguendo con attività di raffreddamento del materiale incendiato, con la continua irrorazione di acqua al fine di evitare un nuovo innesco del fuoco". Al tempo stesso il sindaco di Narni osserva che "occorrerà eseguire una campagna di campionamento delle aree potenzialmente inquinate" e siccome i risultati definitivi saranno resi noti soltanto tra alcuni giorni, ecco che è stata decisa l'ordinanza. Con essa il sindaco impone "alla società Terni Energia Spa di presidiare con personale qualificato ai fini antincendio per intervenire su eventuali focolai che si dovessero riattivare, per il tempo utile al completo svuotamento del deposito interessato dall’incendio". Poi l'oggetto specifico dell'ordinanza che vieta "il consumo, la commercializzazione e qualsiasi altro uso di tutti i prodotti ortofrutticoli e ceralicoli destinati all’alimentazione umana ed animale per un raggio di due chilometri dal luogo dell’incendio, sino alla comunicazione dei risultati definitivi dei campionamenti effettuati sul terreno".
(Nella foto è segnato in modo chiaro il raggio di azione entro i quali vigono i limiti imposti dall'ordinanza sindacale)
2/7/2018 ore 0:18
Torna su