Giovedì 20/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:19
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Il Piano Regolatore ancora non è pronto e Bruschini si preoccupa: "Senza l'approvazione di questo strumento si paralizza l'economia cittadina"
(C.A.) L’approvazione del nuovo Prg del Comune di Narni, è ancora lontana. L’amministrazione promise invano di sbloccare la situazione e approvare il Prg, prima del periodo estivo. Per motivi tecnici tutto fu rinviato al rientro dalle ferie, fino a veder passare il periodo natalizio e quest’inizio del 2004, con la documentazione del piano, ancora bloccata negli uffici competenti della Provincia di Terni. Forza Italia per bocca del suo capogruppo consiliare, Sergio Bruschini, ha lanciato l’allarme sulle conseguenze negative che sta provocando la mancata approvazione. Bruschini fa leva soprattutto sull’esigenza dei cittadini e degli imprenditori del territorio di veder approvate le norme di salvaguardia: “La mancata approvazione di queste norme, contenute nel nuovo Prg – spiega Buschini – sta bloccando i nuovi ed i vecchi progetti di sviluppo e di investimento. Voglio tornare a sollecitare l’amministrazione non per polemica ,ma perché potrebbero prodursi danni seri al territorio, considerando che nel frattempo le aziende sono in attesa che le nuove norme gli permettano di andare avanti nella programmazione dei loro progetti”. La ricaduta sul territorio non può che essere negativa, e più tempo passa e più i danni alla situazione economica locale si aggravano. “Sono tanti i cittadini che aspettano speranzosi che il piano sia finalmente approvato. Ma il problema più grande è che se decadono le norme di salvaguardia che regolano il territorio nel periodo del cambio di guardia fra un piano regolatore e l’altro, il Prg decadrà, tornando a far disciplinare Narni dal vecchio Piano Urbanistico”. Il comportamento dell’opposizione fu giudicato fin troppo morbido dagli addetti ai lavori in fase di discussione del nuovo Prg, ma Bruschini spiega perché: “Siamo stati “morbidi” solo ed esclusivamente per cercar di dare un contributo affinché il piano fosse approvato velocemente. Per questo – continua Bruschini - non abbiamo ostacolato in alcun modo le procedure, anzi, in diverse occasioni abbiamo votato favorevolmente ogni determinazione”. Poi il trasferimento del piano alla Provincia dove è tuttora bloccato: “Speriamo che questa ennesima sollecitazione – conclude Bruschini – contribuisca a mettere la parola fine a questa interminabile telenovela”.
19/1/2004 ore 5:27
Torna su